laRegione
acquistava-merce-online-che-non-pagava-storpiandosi-il-nome
Ti-Press
Shopping online
16.02.22 - 15:44
Aggiornamento: 19:43

Acquistava merce online (che non pagava) storpiandosi il nome

Condanna a 10 mesi da espiare, sospesi per il trattamento ambulatoriale di 5 anni, per una cinquantenne luganese dedita alla truffa per mestiere

Era riuscita anche a eludere il database in cui confluivano i nomi dei ‘cattivi creditori’ nei confronti dei più noti siti internet di acquisti. Una cinquantenne è stata così condannata dalle Assise correzionali di Lugano per tentata e consumata truffa per mestiere.

La donna, in un periodo particolarmente lungo (da gennaio 2007 a novembre 2020), ordinava merce online con il metodo di pagamento con fattura. Fatture che poi regolarmente non pagava. Per eludere il sistema di controllo attuava un piccolo stratagemma cambiando o storpiando, in parte, nome, via, numero civico o altre generalità. Errori forzati che venivano però ‘annullati’ dall’ignaro postino che, conoscendola, le recapitava comunque il pacco.

Dal dibattimento, abbreviato in aula, a ruota di un accordo fra accusa (sostenuta dal procuratore pubblico Claudio Luraschi) e difesa (affidata all’avvocato Sabrina Aldi), ne è scaturita la conferma di pena, da parte del giudice Siro Quadri, di 10 mesi di detenzione da espiare, sospesi ad ogni modo in vista del trattamento ambulatoriale di 5 anni. La donna è stata anche condannata per infrazione ripetuta alla Legge federale sugli stupefacenti e sulle sostanze psicotrope.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
1 ora
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
1 ora
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
3 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
3 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
3 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio inflitte oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
3 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri Cantoni
Bellinzonese
4 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10.15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved