laRegione
13.02.22 - 18:47
Aggiornamento: 19:50

Crack Latina Calcio: denaro ‘dirottato’ in società fantasma

Un cavillo procedurale allunga i tempi del procedimento penale a carico di 37 persone coinvolte nell’inchiesta che porta a Lugano

di Salvatore Pizzo
crack-latina-calcio-denaro-dirottato-in-societa-fantasma
Ti-Press
Soldi e pallone

Un cavillo procedurale ha fatto allungare i tempi del procedimento penale a carico di 37 persone che, a vario titolo, sono coinvolte nell’inchiesta scaturita dal crack del Latina Calcio fallito circa cinque anni fa quando giocava nella serie B italiana. Il giudice ha dovuto rinviare l’udienza al termine della quale deciderà se mandare a processo gli indagati. Al centro dell’inchiesta ci sono ingenti trasferimenti di euro dalla città laziale a conti aperti in filiali bancarie luganesi. Il Servizio centrale operativo della Polizia, incaricato dalla Procura di Latina, ha esaminato tutta la documentazione giunta in Italia dal Canton Ticino dopo una rogatoria: gli atti confermerebbero che gli spostamenti di denaro tra Latina e Lugano sarebbero avvenuti tramite varie società, alcune delle quali sarebbero rimaste operative solo per alcuni mesi. In Canton Ticino sarebbero stati coinvolti anche tre cittadini svizzeri, ma essi non risultano coinvolti nell’inchiesta italiana. Gli ex amministratori della società calcistica sono accusati di bancarotta; per gli altri indagati gli inquirenti ipotizzano, a vario titolo, il reato di associazione per delinquere finalizzata a commettere reati di natura tributaria, in particolare alcuni di loro avrebbero contribuito al dissesto finanziario del club calcistico facendo sparire, tra il dicembre del 2016 e il marzo del 2017, gli incassi di alcune partite di quella stagione. Per il fallimento del Latina Calcio nel 2018 furono arrestate 12 persone. Secondo gli inquirenti sarebbero stati sottratti complessivamente al fisco italiano 200 milioni di euro. La Guardia di finanza indagando riscontrò anche infrazioni relative ad altri settori imprenditoriali. Ingenti somme sarebbero state dirottate a Lugano, da dove sarebbero nuovamente rientrare in Italia per essere investite in attività immobiliari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
34 sec
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
29 min
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
1 ora
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
1 ora
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
4 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
5 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
1 gior
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
© Regiopress, All rights reserved