laRegione
04.02.22 - 16:12
Aggiornamento: 16:53

Adescava fanciulli sui social, condannato a 5 anni

Un 32enne del Luganese finirà in carcere per essersi fatto inviare materiale pornografico da minorenni, fingendosi un loro coetaneo

adescava-fanciulli-sui-social-condannato-a-5-anni
Ti-Press
Le vittime sono ragazzi e ragazze residenti in Italia

Utilizzava i social network per adescare le sue giovani vittime, per la maggior parte ragazzi e ragazze italiani di età compresa tra i 13 e i 15 anni, facendosi inviare da loro materiali pornografici. Un’operazione, quella portata avanti da un 32enne del Luganese, che gli ha permesso di ottenere negli anni centinaia di scatti a carattere sessuale. All’uomo, comparso quest’oggi davanti alla corte delle Assise criminali di Lugano presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, è stata inflitta una pena di 5 anni di carcere per coazione sessuale, atti sessuali con fanciulli e pornografia. Il 32enne dovrà anche sottoporsi a un trattamento ambulatoriale di tipo psichiatrico. Il processo si è svolto con la formula del rito abbreviato, con le parti che hanno trovato l’accordo sulla pena poi confermata dalla corte. Il 32enne ha infatti ammesso sin da subito le sue colpe, collaborando durante l’inchiesta.

‘Una cinquantina le vittime’

I fatti, come ha appurato il lavoro condotto dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti, risalgono al periodo tra il gennaio 2016 e il novembre del 2020. L’uomo, difeso dall’avvocato Marco Cocchi, ingannava le sue giovani vittime sui social network non rivelando la sua reale identità e fingendosi un coetaneo. Per ottenere foto scottanti il 32enne non si faceva problemi a ricorrere a minacce o ricatti. Sono una cinquantina in totale le vittime, soprattutto residenti in Italia. A provocare l’intervento della polizia, e la seguente indagine, erano state le segnalazioni di alcuni genitori che, allarmati dai comportamenti sospetti della figlia, sono venuti a conoscenza delle richieste dell’uomo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
38 min
Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’
Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
43 min
Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’
Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
53 min
Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’
L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
58 min
Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione
Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
9 ore
50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro
Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
9 ore
Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano
Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Luganese
10 ore
Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori
La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
11 ore
Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona
Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Mendrisiotto
12 ore
‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’
La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Locarnese
13 ore
‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’
Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
© Regiopress, All rights reserved