laRegione
07.02.22 - 05:30
Aggiornamento: 17:27

A Lugano ‘c’è tanta paura di perdere il cadreghino’

Andrea Censi difende le ragioni della sua mozione che chiede di dimezzare il numero di consiglieri comunali dagli attuali 60 a 30

a-lugano-c-e-tanta-paura-di-perdere-il-cadreghino
Ti-Press
Il consigliere comunale Andrea Censi

«Hanno avuto paura di perdere il cadreghino». Suona più o meno così la reazione del consigliere comunale Andrea Censi (Lega dei ticinesi), nei confronti dei colleghi, alla luce della quasi scontata bocciatura (martedì sera) della sua mozione che chiede di dimezzare i membri del legislativo da 60 a 30, stroncata da tutta la commissione delle Petizioni. «Il problema non è il costo del singolo consigliere comunale: con la riduzione, migliorerebbero sia la qualità degli eletti che i lavori del legislativo. Ho notato una certa impreparazione. Riducendo il numero di consiglieri comunali si darebbe maggiore responsabilità al singolo che avrebbe anche una maggiore visibilità rispetto ai cittadini», sostiene Censi.

Ma, dimezzando gli esponenti del legislativo, non si rischierebbe di precludere la rappresentatività degli ex Comuni, oggi quartieri della grande Lugano? «Nemmeno 60 consiglieri comunali danno garanzia di rappresentatività – risponde Censi –. Basti guardare la sproporzione attuale: il quartiere più popoloso di Molino Nuovo ne conta solo due, a fronte di Carona che ha quattro rappresentanti. Riconosco che la proposta è provocatoria ma non credo ponga problemi alla democrazia. So che l’esito è scontato: in commissione non sono stati fatti approfondimenti, la metà dei colleghi rischierebbe di non venir più eletta, se fosse accolta la mia proposta». Di più: «Ritengo che determinati lavori di analisi possano essere demandati al Municipio. Ho militato in tutte le commissioni, dall’Edilizia alla Pianificazione fino alla Gestione e soprattutto quando si trattano temi tecnici come crediti di costruzione o progettazione, si perde un sacco di tempo, rallentando le opere, per giungere a un semplice via libera dopo ripetuti incontri e audizioni con i funzionari della Città per farsi spiegare dettagli tecnici. Oltretutto il Consiglio comunale non è l’organo di vigilanza del Municipio (come il Gran Consiglio), di conseguenza alcune competenze si potrebbero ridurre per un buon funzionamento del Comune. Resto convinto che un consigliere comunale dovrebbe prendere decisioni politiche e strategiche non sostituire gli esperti e i progettisti» aggiunge Censi che rassegnerà le dimissioni dalla Commissione della Pianificazione del Territorio per ragioni professionali: «Attendo inoltre che si concretizzi, finalmente, con la modifica del regolamento, un’altra mozione approvata alcuni anni fa, per ridurre il tempo degli interventi in Consiglio comunale». Tuttavia, come detto, la commissione delle Petizioni considera adeguati 60 consiglieri comunali per una città di oltre 65’000 abitanti distribuiti in 21 quartieri. Inoltre, il dimezzamento del legislativo comporterebbe il calo della rappresentanza partitica, penalizzando i più piccoli, un aggravio dell’onere di lavoro e un legislativo per pochi ‘eletti’.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
5 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
7 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
8 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
9 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
9 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
10 ore
Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’
Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Mendrisiotto
11 ore
Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito
Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
12 ore
Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese
La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
14 ore
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
© Regiopress, All rights reserved