laRegione
via-nassa-benedetto-antonini-un-intervento-osceno
Facciate rinnovate, con il benestare della commissione nucleo ma con un ricorso tuttora pendente
20.01.22 - 18:13
Aggiornamento : 18:41

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto

Fa discutere l’intervento effettuato al numero civico 54 di via Nassa a Lugano. Nonostante i vincoli di protezione, il proprietario è riuscito a ottenere una licenza edilizia per effettuare lavori all’interno degli edifici e ha ottenuto il permesso di posare ampie vetrate che non sarebbero in sintonia con le altre facciate della via del centro storico di Lugano. Tutto ciò, con un ricorso tuttora pendente al Tribunale amministrativo cantonale (Tram). A prendere una posizione critica è Benedetto Antonini, vicepresidente della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan): «Il risultato degli interventi è osceno e non ha più nulla a che vedere con gli edifici adiacenti. Oltretutto, mi chiedo quale sia il senso di posare delle vetrine al primo piano di uno dei due stabili: i passanti non possono nemmeno guardarci dentro, queste grandi finestroni davvero non servono a nulla. Non capisco come abbia potuto ottenere la licenza edilizia un intervento del genere. Eppure, la Città di Lugano e il Cantone dovrebbero essere vincolati al rispetto delle direttive dell’Isos (l’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale). Poi, la via Nassa di Lugano è una zona protetta anche dalle Norme di attuazione del Piano regolatore (Napr), davvero non trovo spiegazioni». Dal canto suo, la commissione nucleo di Lugano, è intervenuta dando il proprio benestare sia il primo progetto che alla variante riduttiva successiva, con tanto di sopralluoghi e in sintonia con l’Ufficio della natura e paesaggio.

Le direttive Isos diventano obbligatorie

Nel frattempo, restando sul tema dei beni culturali, è emerso che la Cassa pensioni di Lugano ha ceduto gli stabili del rione Madonnetta a Molino Nuovo, dove abitano circa ottanta famiglie, alla fondazione d’investimento Patrimonium di Baar, una società che promuove progetti immobiliari. Come messo in evidenza dal ‘Quotidiano’, il rione rappresenta un raro esempio ticinese di edilizia popolare degli anni Cinquanta e per questa ragione, la zona è vincolata e salvaguardata. Ora la fondazione d’investimento intende valorizzare l’intero comparto e assicura che gli stabili non verranno demoliti: “D’intesa con la Cassa Pensioni di Lugano, ora azionista della Fondazione, e in piena conoscenza delle qualità del quartiere Rione Madonnetta, stiamo valutando un progetto di valorizzazione e costruzione nell’ambito del quartiere che si basa su uno studio preliminare che permette di mantenere gli immobili esistenti”, si legge sul sito della Rsi. Probabilmente, non poteva essere altrimenti, visto che nella seduta dello scorso novembre, il Consiglio comunale di Lugano ha accolto parzialmente la mozione sui beni culturali (primo firmatario Nicola Schoenenberger dei Verdi). La risoluzione adottata dal legislativo impone al Municipio di definire quali parti del territorio della nuova Lugano siano meritevoli di tutela e di pubblicare le relative Zone di pianificazione. Non solo. Da qualche mese, tramite il voto del Consiglio comunale, i contenuti dell’inventario Isos devono essere integrati negli atti pianificatori in vigore, nelle relative Napr e nel /Regolamento edilizio che devono essere adeguati alle tutele incluse nelle direttive dell’Isos.

Un architetto e la commissione urbanistica

Sempre a proposito dello stesso argomento, nella seduta odierna, il Municipio di Lugano ha licenziato all’attenzione del Consiglio comunale il messaggio relativo alla proposta di alcune modifiche del Regolamento comunale in materia di commissioni di nomina municipale. Obiettivo della revisione è dotare di una base legale la nuova Commissione urbanistica che sostituirà l’attuale Commissione nuclei. L’intento è quello di disporre, come avviene già in molte città svizzere, di una commissione consultiva che esprima pareri su progetti e pianificazioni rilevanti per l’immagine e la qualità architettonica e urbanistica della città. In secondo luogo, si è constatato il limite operativo della Commissione nuclei, dovuto in particolare alle aggregazioni. Infatti, tutte le commissioni degli ex comuni sono confluite in quella di Lugano, che ha ereditato una situazione complessa, eterogenea e bisognosa di essere uniformata. Insomma, è emersa la volontà di rafforzare l’Amministrazione comunale e le competenze in materia di patrimonio culturale e architettonico. A tale scopo, recentemente e il Municipio ha pertanto aperto un concorso pubblico per l’assunzione di un architetto. L’obiettivo è quello di costituire una rete di competenze ancora più integrata ed efficace all’interno dell’amministrazione cittadina, alla quale il lavoro di certo non manca.

Leggi anche:

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benedetto antonini beni culturali direttive isos lugano stan via nassa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia
Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
5 ore
Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche
Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
5 ore
Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio
All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
6 ore
Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute
Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Ticino
7 ore
Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’
Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Ticino
7 ore
‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’
Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Luganese
8 ore
Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica
La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Ticino
9 ore
‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’
Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
Luganese
10 ore
Omicidio Cantoreggi in Appello, per l’accusa è stato assassinio
La pp Tuoni ha richiesto 17 anni di carcere per il 35enne austriaco. La difesa: i ricorsi sono da respingere. Attimi di tensione fuori dall’aula
Mendrisiotto
10 ore
A Mendrisio il Ppd rilancia: ‘Dimezziamo i dicasteri’
In una interrogazione il gruppo mette sul tavolo la proposta, alternativa a tagli e aumento del moltiplicatore
© Regiopress, All rights reserved