laRegione
umamy-quando-l-integrazione-comincia-in-cucina
Ti-Press/S. Golay
Richiedenti l’asilo in cucina con lo chef
+7
20.01.22 - 16:08
Aggiornamento : 18:12

‘Umamy’, quando l’integrazione comincia in cucina

Croce Rossa Svizzera, sezione del Sottoceneri, presenta il progetto di integrazione socio-culturale che coinvolge i richiedenti l’asilo

“Non è mai il luogo o il cibo a rendere migliore un’esperienza, ma le persone con cui la condividi”. È questo il motto alla base di ‘Umamy’, il nuovo progetto di integrazione socio-culturale sviluppato dalla Croce Rossa Svizzera, sezione del Sottoceneri in collaborazione con la Sezione del Sostegno sociale del Dss. Il servizio di consegna di cibo etnico ha iniziato ufficialmente la sua attività a inizio settimana, dopo una sperimentazione interna di due mesi. «Si tratta di un progetto di integrazione culturale – spiega Debora Banchini Fersini, vicedirettrice e capo divisione della migrazione della sezione Sottoceneri di Croce Rossa Svizzera –. L’esperienza maturata con gli ospiti dei centri dimostra come la persona, anche se può incontrare difficoltà a inserirsi nella rete sociale del territorio, si motiva se chiamata a preparare pietanze del proprio Paese per offrirle o farle conoscere agli altri». Ecco quindi che il cibo diventa la lingua universale capace di unire i popoli.

Preparate le ricette tipiche

In questa prima settimana di attività, le pietanze tipiche preparate sono state quelle dell’Afghanistan. La prossima toccherà alla Turchia. «Siamo partiti bene – ammette la vicedirettrice –. Il servizio deve comunque ancora farsi conoscere». Chiediamo a Debora Banchini Fersini qual è stata la genesi del progetto. «L’obiettivo è quello di creare un percorso di integrazione che unisca l’apprendimento della lingua italiana con la cucina, intesa come l’insieme di mestieri che ruotano nel campo della ristorazione», illustra. Attualmente nel progetto sono coinvolte una «ventina di persone divise in due gruppi che si alternano settimanalmente tra cucina e corsi specifici sul mestiere». I richiedenti l’asilo sono attivi come aiuto cuoco, lavapiatti, addetto agli imballaggi e, non da ultimo, nella redazione delle ricette con usi e costumi a esse legate.

In cucina con lo chef

Le pietanze vengono preparate nella cucina del Ristorante Ombrone di Cadro, con la supervisione di un cuoco professionista e di un esperto del settore che si occupa della formazione pratica. La proposta prevede due menù al giorno, di cui uno vegetariano. Il piatto è accompagnato dalla storia del piatto stesso, da alcune indicazioni sulla sua tradizione e dalla ricetta. Per gli amanti della cucina, ma non solo, ‘Umamy’ rappresenta quindi un’occasione imperdibile per entrare in contatto con le autentiche ricette etniche, per riscoprirne la storia, le tradizioni e sostenere l’integrazione di diverse culture. «Abbiamo lavorato a questo progetto per più di sei mesi – aggiunge ancora Debora Banchini Fersini –. Si tratta infatti di un lavoro che tocca molteplici aspetti che generano valore nelle persone e nella società: inserimento socio-professionale dei richiedenti l’asilo, studio e approfondimento della lingua italiana, valorizzazione di culture diverse e, non da ultimo, messa in relazione degli ospiti dei centri con i cittadini e con le aziende locali».

Dal delivery al ritiro

Come gustare, quindi, le pietanze preparate a Cadro? Le proposte culinarie possono essere ordinate, dal lunedì al venerdì, sia dalle aziende, che aderiscono tramite il sito, sia dai privati che possono ritirarle direttamente al ristorante Ombrone (previa ordinazione via email entro le 16 del giorno prima per pausa pranzo del giorno successivo). Il progetto tiene in considerazione anche gli aspetti ecosostenibili: oltre all’imballaggio, le consegne vengono effettuate grazie alla partecipazione di Saetta Verde. La consegna avviene quindi con i corrieri in bicicletta. Tutti i dettagli possono essere consultati sul sito www.umamy.ch. «Per il momento copriamo fino a Lugano centro – conclude la vicedirettrice –. In futuro potremo valutare un’estensione. L’auspicio è che questo nuovo progetto venga conosciuto il più possibile, che funzioni e che le persone che ci stanno mettendo molto entusiasmo e impegno vengano riconosciute e valorizzate da questo progetto».

Il servizio di integrazione e volontariato

‘Umamy’ è gestito dal servizio di integrazione e volontariato presso i centro di accoglienza della Croce Rossa Sottoceneri, riorganizzato nel 2021 secondo le linee direttive nell’ambito dell’integrazione emanate dalla Confederazione e dal Cantone per sostenere le persone migranti nella co-costruzione di un percorso di integrazione personalizzato. Il team è multidisciplinare e specialistico, composto da esperti in ambito della migrazione, job coach, collaboratori sociali, mediatori culturali, animatori e formatori certificati. Nel 2021 sono stati raggiunti traguardi significativi: il servizio ha collaborato attivamente con 50 aziende del territorio, ha organizzato 118 stage, ha ottenuto 25 posti di apprendistato e molteplici inserimenti professionali. Croce Rossa Svizzera è attiva nell’ambito della migrazione da oltre 30 anni e, su mandato cantonale, gestisce i centri di accoglienza di Paradiso (65 posti) e Cadro (180) e due foyer per minorenni non accompagnati (ragazzi dai 10 ai 20 anni) a Paradiso e a Castione (76 posti in totale).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cadro croce rossa svizzera cucina richiedenti l'asilo sottoceneri umamy
Ti-Press/S. Golay
Guarda 10 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
8 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
8 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
13 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
13 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
14 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
14 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
14 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved