laRegione
19.01.22 - 15:47
Aggiornamento: 16:18

Fermato a 114 all’ora sul 50, 14 mesi sospesi

Un 25enne del Luganese è stato giudicato stamattina davanti alla Corte delle Assise correzionali di Lugano

fermato-a-114-all-ora-sul-50-14-mesi-sospesi
archivio Ti-Press
Sorpreso dal radar nel maggio scorso

Il radar lo ha sorpreso a 114 all’ora sul limite di 50. Un’infrazione grave alle norme della circolazione, commessa lo scorso mese di maggio, che è costata a un 25enne del Luganese una condanna a 14 mesi di detenzione, sospesi per un periodo di prova di due anni. L’uomo è comparso stamattina, con procedura di rito abbreviato, davanti alla Corte delle Assise correzionali di Lugano presieduta dal giudice Amos Pagnamenta. «Avevo appena ritirato la mia auto dalla concessionaria ed ero contento – ha spiegato l’imputato, difeso dall’avvocato Marco Morelli –. Tra Canobbio e Cadro ho accelerato in maniera brusca andando a superare di molto il limite, ma non ero cosciente di quanto». Nella stessa occasione è stato riscontrato uno stato difettoso della vettura («i fari erano oscurati per abbellire il veicolo»), mentre a fine 2020 il 25enne, che si è visto revocare la patente al momento del fermo, si è reso protagonista di un sorpasso vietato lungo via Como, a Chiasso. L’accusa è stata formulata dal procuratore pubblico Zaccaria Akbas.

La curiosità diventata vizio, 9 mesi

«Sono andato a vedere per curiosità, ed è diventato un vizio». Un vizio che gli ha portato una condanna a 9 mesi di detenzione, sospesa per un periodo di prova di 3 anni, per pornografia ripetuta. La condanna per un 50enne del Luganese è stata pronunciata sempre questa mattina dalla Corte delle Assise correzionali di Lugano. Nell’atto d’accusa del pp Zaccaria Akbas si legge che, tra il gennaio 2016 e il novembre 2020, l’imputato ha scaricato da internet mediante applicativi di condivisione peer-to-peer – quindi mettendole in circolazione e possedendole per il proprio consumo su hard disk e dispositivi informatici al proprio domicilio – immagini e rappresentazioni pornografiche con atti sessuali con minorenni: 800 video pornografici e 43 file video pedopornografici. A domanda diretta del giudice Amos Pagnamenta, il 50enne, difeso dall’avvocata Flavia Marone, ha affermato di «non avere più un computer».

Prestazioni sociali illecite, 5 mesi

Tra il 2016 e il 2017 e tra il 2018 e il 2020, ha ottenuto in modo illecito prestazioni di un’assicurazione sociale o dell’aiuto sociale – per un totale di circa 50mila franchi – a cui non aveva diritto. L’imputato, un 58enne italiano, non ha infatti dichiarato di essere il titolare di un conto a lui intestato. «L’ho fatto per ignoranza della Legge», ha spiegato. Con procedura di rito abbreviato, la Corte delle Assise correzionali di Lugano presieduta dal giudice Amos Pagnamenta lo ha condannato a 5 mesi di detenzione, sospesi per un periodo di prova di 2 anni, e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’accusa è stata rappresentata dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli; l’imputato era difeso in aula dall’avvocato Daniele Iuliucci.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
4 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
21 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
22 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
© Regiopress, All rights reserved