laRegione
13.01.22 - 12:00
Aggiornamento: 16.01.22 - 17:36

La Posta ad Agno cambia sede e sperimenta una formula ‘aperta’

Riconosciuta l’importanza della filiale, si manterranno tutte le prestazioni alla clientela

la-posta-ad-agno-cambia-sede-e-sperimenta-una-formula-aperta
Ti-Press

Per il Ticino è una prima. Ad Agno dalla primavera prossima la Posta attiverà una filiale a tutti gli effetti, aperta e gestita in proprio nel segno di “un concetto del tutto inedito”. La particolarità di questa soluzione logistica – che troverà spazio all’interno del centro Migros, a poche centinaia di metri dalla sede attuale – sarà l’assenza di barriere e la possibilità di interagire con la clientela in modo diretto. Anche gli orari di apertura saranno più estesi e si avrà un accesso agile dalla strada principale e con un’ampia disponibilità di posti auto.

L’infrastruttura dell’attuale filiale di Agno di via Stazione 1, fa sapere ancora la Posta, “non corrisponde ormai da tempo agli standard adottati nell’ambito del processo di ammodernamento della rete. La difficoltà di accesso e il numero limitato di posti auto a disposizione della clientela hanno, inoltre, contribuito alla necessità di ricercare una soluzione alternativa”. Riconosciuta l’importanza di Agno quale polo di riferimento per l’intera regione, quindi, si è optato per la realizzazione di una filiale tradizionale, in grado dunque di offrire l’intera paletta delle prestazioni postali. La collaborazione con Migros, poi, “offrirà alla clientela la possibilità di sbrigare le proprie operazioni postali e di usufruire nel contempo dell’offerta del partner, sfruttando al meglio le sinergie”.

Da parte sua Martina Bellodi, responsabile Regione Ticino per la rete postale, sottolinea come “la Posta desidera essere presente laddove e quando la clientela lo desidera; per questo aspira a offrire un mix ideale di punti di accesso moderni, sia per i residenti sia per la clientela di transito; la soluzione “shop in shop” adottata ad Agno appare in questo senso ideale”. L’opzione individuata permette di “plasmare l’offerta in funzione della domanda, in modo estremamente flessibile, anche in termini di orari di apertura”.

Gli sportelli all’interno del centro commerciale saranno a disposizione anche sul mezzogiorno, “una fascia oraria particolarmente apprezzata”. Si tratta dunque, si ribadisce in una nota, di “una nuova formula che rappresenta idealmente un elemento centrale della strategia perseguita dalla Posta: quello di volere offrire un ponte fra mondo fisico e mondo digitale”. Aperto un dialogo con le autorità locali, la popolazione sarà informata nei dettagli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
3 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
5 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
5 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
6 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
6 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
7 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
8 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
8 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
10 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved