laRegione
30.12.21 - 18:52

Ex Macello, Ps e Verdi di Lugano chiedono dialogo

Continuano le prese di posizione in merito allo sgombero dell’ex Macello. Tocca a Partito socialista e alla sezione locale dei Verdi

ex-macello-ps-e-verdi-di-lugano-chiedono-dialogo
Ti-Press
L’area sorvegliata

Si allunga la lista delle prese di posizione in merito allo sgombero dell’ex Macello. Per il Partito Socialista “serve il dialogo, non la forza”. L’invito alla Città di Lugano è rivolto “al dialogo e al riconoscimento immediato dell’autogestione luganese come una realtà consolidata che merita legittimità e uno spazio adeguato dove farla vivere così come avviene in tutte le principali Città svizzere e mondiali. Allo stesso tempo auspica un impegno diretto del Cantone nel ruolo di mediatore e garante per entrambe le parti”. Nonostante lo sgombero e l’abbattimento parziale dell’ex Macello, “l’autogestione a Lugano continua a essere in grado di mobilitare un folto numero di persone di ogni età ed estrazione sociale; questo dovrebbe mettere il Municipio della città di Lugano nella condizione di rendersi conto che questa realtà va riconosciuta con i fatti e non solo con il ricorso a parole di circostanza”.

A commento di quanto accaduto, I Verdi di Lugano si chiedono “perché lo fanno?”. I molinari “sono rientrati in quei locali vetusti che loro avevano trasformato in casa aperta e che ora sono murati e isolati dal resto del mondo. Sono rimasti al freddo, senza luce né acqua, circondati”. Lo hanno fatto perché “forse è proprio da qui che un dialogo sarebbe potuto ripartire, senza i proiettili di gomma e lo spray al peperoncino. A modo loro, forse raffazzonato e di certo poco popolare, hanno dato questa opportunità alla Città”. Lo hanno fatto “sette mesi dopo lo sgombero e la parziale demolizione nel pieno della notte del Csoa in barba a tutte le regole (le stesse che paiono scritte nella pietra, secondo le autorità), non per soldi, né per gloria, né per finire in cella con gli ematomi di qualche botta presa prima di venir ammanettati”. A mente dei Verdi, “forse sono rientrati perché dopo sette mesi di silenzio assordante da parte dell’esecutivo e scuse a dir poco imbarazzanti della magistratura per giustificare un piano pensato quasi fin nei dettagli ma andato storto, per riavviare un dialogo bisognava riportare il discorso là dove era rimasto. Un’avvisaglia di scambio c’è stata, ma la minoranza – nemmeno quella dell’esecutivo – non ha voce in capitolo”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
12 min
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
22 min
Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione
I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
8 ore
Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’
Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
8 ore
Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione
Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Ticino
9 ore
Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì
Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Ticino
9 ore
Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa
Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Ticino
10 ore
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
11 ore
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
11 ore
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
11 ore
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
© Regiopress, All rights reserved