laRegione
laR
 
28.12.21 - 08:30
Aggiornamento: 10:11

Villa Heleneum a Bally: Municipio segnalato agli Enti locali

Il consigliere comunale Aurelio Sargenti, non soddisfatto delle risposte ottenute, preannuncia la richiesta di intervento dell’autorità di vigilanza

villa-heleneum-a-bally-municipio-segnalato-agli-enti-locali
Villa Heleneum, ex sede del Museo delle Culture Extraeuropee (Ti-Press/Archivio)

«Non può andare bene così. Il Municipio ha tenuto nascosto le informazioni relative alle tre candidature per l’utilizzo di Villa Heleneum, per ragioni legate alla confidenzialità. Però, questo ragionamento non vale per i consiglieri comunali che sono anch’essi tenuti a mantenere le informazioni riservate. In gennaio presenterò la segnalazione alla Sezione enti locali». Il consigliere comunale di Lugano Aurelio Sargenti preannuncia che chiederà all’autorità di vigilanza amministrativa e finanziaria sui Comuni di intervenire sulla scelta del Municipio di Lugano di affidare la villa Heleneum alla fondazione Bally. Il consigliere comunale contesta pure all’esecutivo cittadino «la mancata trasparenza. Ho presentato due interpellanze ma le risposte ottenute sono state fumose e senza contenuto. Di fatto, il Municipio ha concesso un prestigioso bene pubblico, non facilmente accessibile, con pochi posteggi, per un museo della scarpa che non è proprio un unicum a livello europeo. Sarà anche importante, però, meritava forse di più un altro progetto che si è candidato, quello relativo alla Collezione Montgomery che sarebbe stata potenzialmente attrattiva, perché particolare e unica».

Badaracco: ‘Accanimento incomprensibile’

Insomma, villa Heleneum, ex sede del Museo delle Culture Extraeuropee della Città di Lugano, sarebbe rimasta un centro culturale come è sempre stata, se il Municipio avesse scelto il progetto che proponeva un centro di studi d’arte orientale per dare spazio alla Collezione Montgomery. Invece, la Città ha scelto la proposta della fondazione Bally. Rispetto all’annunciata segnalazione alla Sezione enti locali, «prediamo atto e valuteremo l’eventuale risposta dell’autorità di vigilanza – ribatte il vicesindaco di Lugano Roberto Badaracco, titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi –. Non riesco a capire questo accanimento, le risposte agli atti parlamentari le abbiamo date, le procedure adottate hanno rispettato la legge organica comunale (Loc). Abbiamo presentato la scelta presa all’unanimità dal Municipio in una conferenza stampa». Sargenti ritiene inoltre che nella decisione dell’esecutivo abbiano prevalso le ragioni economiche rispetto a quelle culturali... «Non è vero, è chiaro che ha avuto il suo peso la concessione della villa alla fondazione Bally che assicura investimenti importanti – ribatte Badaracco –. Tuttavia, se si analizza bene il progetto, ci sono sinergie significative, come il centro di competenze e le annunciate collaborazioni con l’Università della Svizzera italiana (Usi). Uno degli altri due progetti esclusi che, tramite vari enti, mirava alla creazione di un centro orientale, non ha trovato riscontro, perché la Collezione Montgomery (che verrà in ogni caso esposta al Musec l’anno prossimo) non sarebbe stata donata e quindi è venuto a mancare un elemento fondamentale. Per di più, la Città avrebbe dovuto donare gratuitamente la villa Heleneum e provvedere ai necessari investimenti».

‘Non cambia la destinazione museale’

Non solo. Il consigliere comunale socialista mette in evidenza che «all’azienda non verrà data in affitto la villa, ma il bene comunale di prestigio verrà attribuito tramite comodato. Di fatto, però la fondazione Bally pagherà una pigione, a meno che le spese per la manutenzione dell’immobile non vengano fatte passare come una sorta di affitto». Ma, la questione fondamentale è quella relativa ai metri quadrati di superficie che occuperà il museo, insiste Sargenti: «Ho saputo che verrà ricavato spazio per un archivio, poi verranno realizzati un bar, una sala di conferenze e solo un locale è destinato alle esposizioni. Però, nel Piano regolatore di Lugano la destinazione della villa Heleneum è quella museale, quindi più della metà della superficie dell’edificio dev’essere dedicata alle esposizioni aperto al pubblico. Probabilmente, questa problematica verrà risolta dal Municipio di Lugano che risponderà affermando che gli archivi dell’azienda sono aperti al pubblico come museo. Alla fine, però, la fondazione Bally l’ha spuntata perché ha pagato per ottenere la villa, mentre gli altri due progetti no». La destinazione museale della villa, prevista a Piano regolatore della villa, verrebbe cambiata con il progetto presentato dalla fondazione Bally? «Anche questa affermazione non è vera – risponde il vicesindaco –. Uno degli obiettivi della fondazione Bally è proprio quello di creare un museo che ospiterà la collezione Bally. Ricordo che quando questa collezione venne esposta a Zurigo, attirò oltre 100’000 visitatori. L’esposizione, che contiene la storia dell’azienda, resterà aperta per alcuni giorni alla settimana, fra i quali il weekend».

Il progetto che prevedeva di inserire a villa Heleneum manufatti risalenti a differenti periodi storici e a diverse località geografiche del Giappone è stato definito come la più importante (collezione) del suo genere al di fuori del Paese del Sol Levante. Ha ottenuto il sostegno di un centinaio di personalità ticinesi (Mario Botta, Sergio Ermotti, Marco Solari, l’ex municipale di Lugano Giovanna Masoni Brenni, Giampiero Casagrande e diversi consiglieri comunali di Lugano in carica e non). Fra i promotori, c’era il direttore del Museo delle Culture Francesco Paolo Campione

Leggi anche:

Il Bally Heleneum Lab si presenta

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 min
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
43 min
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
1 ora
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
2 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
3 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
6 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
6 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
6 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
6 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
7 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
© Regiopress, All rights reserved