laRegione
divoora-ha-prevalso-l-interesse-di-pochi
Ti-Press
Dipendenti insoddisfatti
23.12.21 - 17:52

Divoora: ‘Ha prevalso l’interesse di pochi’

La società replica alle accuse dei sindacati, sottolineando che con l’introduzione del salario minimo ci sarebbero volute trattative più lunghe

«Tutti i drivers sono sempre stati retribuiti da Divoora nel pieno rispetto delle norme legali in vigore». La società attiva nella consegna a domicilio di cibo punta il dito contro i sindacati Unia e Ocst, che oggi in piazza della Riforma a Lugano, assieme ad alcuni dipendenti della ditta stessa, hanno spiegato i motivi che hanno portato questi ultimi a incrociare le braccia e quali sono le loro rivendicazioni. Ebbene, Divoora – tramite un comunicato diffuso dall’avvocato della società, Rupen Nacaroglu –, presenta la propria versione dei fatti sul perché siano naufragate le trattative intavolate poco più di un mese fa.

‘Prevalso l’interesse di pochi’

“Mercoledì 22 dicembre Divoora ha preso atto con rammarico della decisione dei sindacati di interrompere la trattativa in corso – evidenziano –. Rammarico, perché le aperture e le disponibilità dimostrate da entrambe le parti avrebbero meritato di potere beneficiare di ancora alcune settimane di lavoro, per cercare di perfezionare punti di intesa che avrebbero potuto essere raggiunti. In altri Cantoni della Svizzera simili trattative hanno talvolta richiesto diversi mesi (fino a 6), prima di giungere a una soluzione concordata”. Per la società avrebbe prevalso l’interesse di pochi. Considerato che la società impiega circa 170 dipendenti in Svizzera, 145 dei quali drivers, “per Divoora è assai poco comprensibile come l’interesse di un piccolo numero di collaboratori (all’odierna manifestazione in piazza ne erano presenti 8 e il numero di coloro che si sono rivolti ai sindacati è tutt’ora sconosciuto) abbia potuto giustificare un irrigidimento della posizione sindacale. Soprattutto perché l’accordo su quella parte di lavoratori che hanno Divoora come unico impiego era stato raggiunto, accordo che strumentalmente non è stato menzionato dal Sindacato. Per la stragrande maggioranza dei drivers, si tratta invece per lo più di un lavoro accessorio e irregolare, svolto da studenti, da lavoratori come seconda occupazione, i quali hanno una forte necessità di flessibilità, ovvero di poter decidere quando e quanto lavorare”.

‘Trattative più lunghe per il salario minimo’

La società sottolinea infine che avrebbe voluto maggior tempo per discutere considerata l’introduzione del salario minimo. “Divoora ritiene necessario precisare che durante la trattativa ha fatto presente che il contesto normativo in essere, con l’introduzione del salario minimo e la particolarità del lavoro della consegna on-demand, richiede un tempo considerevole per valutare, con la necessaria serietà imprenditoriale, la migliore soluzione per tutti gli attori in campo.
Con queste precisazioni Divoora intende manifestare pubblicamente il proprio impegno a profondere tutti gli sforzi necessari e dovuti per tutelare la maggior parte dei propri dipendenti, che oggi viene contrapposta agli interessi di una minoranza di essi. Divoora è pertanto sempre aperta al dialogo con la parte sindacale. Divoora non è per contro
disposta a soccombere ad ultimatum che non sono d’interesse di tutti i suoi numerosi collaboratori”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
divoora ocst rupen nacaroglu unia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
4 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
7 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
16 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
18 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
18 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
19 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
20 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
20 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
22 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
© Regiopress, All rights reserved