laRegione
17.12.21 - 18:53

Lugano, la posizione di Galeazzi al vaglio degli Enti locali

La sezione interviene d’ufficio per verificare che l’operato dell’esponente Udc, subentrato a Borradori, sia conforme alla dignità di un municipale

lugano-la-posizione-di-galeazzi-al-vaglio-degli-enti-locali
Ti-Press
Tiziano Galeazzi

Non è bastato l’aver informato i colleghi di Municipio di Lugano. La posizione di Tiziano Galeazzi è finita sul tavolo della Sezione enti locali. L’esponente Udc non si trova in una situazione ideale, alla luce del rinvio a giudizio, nei suoi confronti, per l’ipotesi di reato di riciclaggio aggravato disposto ieri dalla Procura di Bergamo, nell’ambito dell’inchiesta “Pecunia Olet” per reati tributari e fallimentari risalenti al 2011. La Sezione enti locali, come riferisce la Rsi, ha avviato una verifica per capire se ci sono gli estremi per una sua sospensione, ma si tratta di un atto dovuto, o meglio di un automatismo. In altre parole, gli Enti locali si sono mossi d’ufficio, nell’ambito dei compiti di vigilanza che esercitano nei confronti delle istituzioni locali.

“Verificheremo se vi sia stato un delitto contrario alla carica pubblica. Di per sé l’apertura di un’inchiesta è sufficiente per poter promuovere una verifica di questo tipo. Ci siamo mossi tempestivamente proprio per garantire alle istituzioni e a lui medesimo, ma a chiunque come cittadino, la garanzia che alla fine l’operato di Galeazzi sia conforme alla dignità di un municipale”, ha spiegato il caposezione, Marzio Della Santa ai microfoni della Rsi. L’esponente democentrista è accusato, in Italia, di riciclaggio di denaro proveniente da reati di carattere tributario e fallimentare. Il sistema normalmente fa riferimento al quadro normativo elvetico e la verifica concerne gli estremi della denuncia.

Stavolta, dev’essere appurato cosa sia stato fatto in Svizzera: “Cosa significa danno alla carica pubblica, all’immagine delle istituzioni... Può essere anche il sentimento comune nei confronti di quello che è stato fatto. Va detto che normalmente queste procedure e l’eventuale sospensione avvengono nel caso in cui l’agire di Galeazzi fosse avvenuto dopo la sua elezione. Qui siamo prima dell’elezione. Il che può lasciare anche intendere che il cittadino – siccome Galeazzi non ha mai tenuto nascosta la procedura – fosse perfettamente in chiaro di quanto stesse avvenendo e quindi, in questo senso, votandolo, automaticamente aveva accettato la situazione”, sottolinea Marzio Della Santa.

Leggi anche:

Galeazzi ha informato il Municipio del suo rinvio a giudizio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17.
video
Locarnese
1 ora
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti.
Luganese
2 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Luganese
2 ore
Il direttore di scuola media arrestato si è dimesso
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
3 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
5 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
5 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
7 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
7 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
16 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved