laRegione
15.12.21 - 10:35
Aggiornamento: 17.12.21 - 17:28

Malcantone Ovest, sostegno al progetto Prometheus

Giovanni Pedrazzini, con altre personalità del territorio, sottoscrive una lettera rivolta ai Comuni affinché appoggino l’operatore di prossimità

malcantone-ovest-sostegno-al-progetto-prometheus
Ti-Press/Archivio
The Van, Servizio di prossimità per i giovani della Città di Lugano

La necessità della figura educativa dell’operatore regionale di prossimità in Malcantone trova l’appoggio di Giovanni Pedrazzini, decano della Facoltà di scienze biomediche dell’Università della Svizzera italiana che ha sottoscritto una lettera di sostegno ai Comuni della regione. Un lettera firmata anche dal sindaco di Bioggio Eolo Alberti e da diverse autorità politiche locali, cantonali e federali. In sostanza ai Comuni viene chiesto “di valutare una partecipazione finanziaria”, il progetto Prometheus, avviato con successo nel Malcantone Ovest a sostegno della gioventù in difficoltà. Pedrazzini sottolinea inoltre che “in recenti studi commissionati dalla Confederazione, un giovane su tre ha problemi psichici, gli episodi di violenza anche per futili motivi sono in aumento e, non da ultimo, il consumo di psicofarmaci anche a scopo ricreativo insieme ad altre sostanze che creano dipendenza, ha raggiunto cifre molto preoccupanti”. Ma non bisogna dimenticare il senso di solitudine e di abbandono favorito dalle lunghe restrizioni della pandemia da Covid.

Pertanto, mediante un lavoro di strada, disegnato e strutturato secondo modelli già esistenti e che hanno dato ottimi risultati, giovani in difficoltà per varie ragioni hanno la possibilità d’incontrare, negli spazi/ambiti da loro frequentati, degli educatori/collaboratori, dei professionisti del settore e iniziare con loro una relazione di sostegno. Il lavoro di prossimità, evidenzia il decano, è uno degli strumenti più importanti e funzionali nell’ambito del lavoro sociale e permette di arrivare in realtà difficilmente raggiungibili altrimenti. Gli esempi in Ticino di servizi come questo sono ormai molti e mostrano tutta la loro efficacia nel rilevamento precoce di situazioni di vulnerabilità. La letteratura scientifica, in tutti gli ambiti, è concorde sul fatto che la prevenzione e l’intervento tempestivo sul disagio giovanile, permettano di arginarne le evoluzioni più preoccupanti (e i relativi costi finanziari). Purtroppo, malgrado la crescente necessità, il finanziamento di questi progetti non è ancora garantito istituzionalmente e la loro sopravvivenza dipende dal sostegno di enti pubblici (e privati) che ne riconoscono il valore per la società.

A sponsorizzare il progetto c’è anche Ilario Lodi, direttore Fondazione Pro Juventute Svizzera Regione Svizzera italiana, secondo cui “le esigenze educative, che con il nuovo millennio si sono sempre più fatte insistenti, necessitano la realizzazione di progetti e azioni educative all’altezza della nuova situazione venutasi a creare. Molte, in verità, sono le idee che hanno trovato forma; quella di un servizio regionale di prossimità, o di un’educativa da strada itinerante, è certamente tra le più interessanti e significative, e questo per vari motivi, tra i quali troviamo la presenza costante e continua a livello regionale di un professionista dell’educazione in un contesto fatto di giovani, la sua attenta e saggia gestione di situazioni potenzialmente delicate, la sua opera di prevenzione per proteggere i giovani e per contribuire ad aggiustare situazioni le quali, se lasciate andare senza un’intelligente gestione, molto facilmente potrebbero trasformarsi in problemi per l’intera collettività (che non sono risolvibili solo con interventi di tipo finanziario...)”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
44 min
Capanna Cremorasco pronta per la primavera
I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Ticino
5 ore
Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze
L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
6 ore
‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete
I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Ticino
12 ore
Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile
Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
14 ore
Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’
Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
15 ore
Per la Stranociada un successo… incontenibile
Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
18 ore
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
19 ore
Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
21 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
1 gior
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
© Regiopress, All rights reserved