laRegione
12.12.21 - 15:22
Aggiornamento: 15:38

Lugano: ‘A che punto siamo col mercato coperto?’

Torna a porre l’accento sulla struttura, voluta da tempo e da più parti, un’interrogazione interpartitica

lugano-a-che-punto-siamo-col-mercato-coperto
Ti-Press
C’è chi lo vuole al coperto. Ma dove?

A che punto siamo a Lugano con l’edificazione di un mercato coperto? Con un’interrogazione interpartitica – primo firmatario: Niccolò Castelli (Verdi) –, i consiglieri comunali tornano alla carica sull’argomento, dopo che altri membri del legislativo prima di loro lo avevano già fatto a più riprese gli anni precedenti. Complice, stavolta, è la pubblicazione dei risultati dei mandati di studio in parallelo per il lungolago, che prevedono fra le altre cose la possibilità di creare un mercato coperto al piazzale Ex scuole. Un’idea non nuova, dato che già una mozione del 2016 lo ipotizzava. Insomma, “sono numerosi gli elementi che portano la maggioranza della Commissione delle petizioni – scrivono i consiglieri – a chiedere maggiori informazioni sullo stato dei lavori in relazione alla realizzazione di un mercato coperto cittadino”.

E pertanto, una serie di domande, sette, sulle intenzioni del Municipio, sull’eventuale destinazione della struttura, sulle tempistiche, e su un ulteriore specifico luogo che potrebbe ospitare il mercato: l’ex capannone delle Ail, che si trova in disuso in zona Lambertenghi. La municipale Cristina Zanini Barzaghi ha recentemente dichiarato che la struttura, opportunamente smontata e ricollocata, potrebbe fungere appunto da mercato coperto: “Riflessioni concrete in seno al Municipio?”, si chiede nell’atto parlamentare, domandando se sono state conseguentemente effettuate valutazioni sulla fattibilità tecnica e sui costi dell’operazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
2 min
San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola
Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. Sempre pendente il ricorso dell’ex sindaco che chiede di ripetere la votazione con più dati sui costi
Luganese
17 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
17 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
© Regiopress, All rights reserved