laRegione
01.12.21 - 12:02
Aggiornamento: 19:30

Karin Valenzano Rossi interrogata oltre 2 ore come imputata

La capodicastero Sicurezza di Lugano ha dato l’ordine di demolire l’ex Macello? È il chiarimento su cui si sarebbe concentrata l’audizione davanti al pg

di Guido Grilli e Alfonso Reggiani
karin-valenzano-rossi-interrogata-oltre-2-ore-come-imputata
Ti-Press/Foto Samuel Golay
L’ingresso in Procura di Karin Valenzano Rossi con il suo avvocato, Elio Brunetti

Da persona informata sui fatti a imputata. Ha fatto ingresso stamane a palazzo di giustizia, accompagnata dall’avvocato Elio Brunetti e seguita, pochi istanti dopo, dall’avvocato Costantino Castelli, rappresentante legale degli autogestiti. Si è presentata verso le 9.15 davanti al procuratore generale, Andrea Pagani, la municipale di Lugano, Karin Valenzano Rossi.

La capodicastero Sicurezza è stata interrogata nell’ambito dell’inchiesta sulla demolizione parziale dell’ex Macello, sede degli autogestiti, dopo che il magistrato la scorsa settimana ha accolto parzialmente la richiesta di supplemento di indagini avanzata dall’avvocato Costantino Castelli, rappresentante dell’accusatore privato.

L’inchiesta promossa dal Ministero pubblico per far luce sulla fatidica notte delle ruspe entrate in azione tra il 29 e il 30 maggio scorsi che hanno abbattuto la ventennale sede del Centro sociale autogestito il Molino, conosce dunque un seguito, dopo che il Pg a ottobre ha prospettato un decreto d’abbandono e l’imminente chiusura dell’istruzione.

Quella fatidica notte di maggio

Karin Valenzano Rossi quella fatidica notte ha dato l’ordine alla polizia di procedere alla demolizione parziale dell’ex Macello? Sarebbe questa, nuovamente, la richiesta di chiarimento su cui si sarebbe concentrato l’interrogatorio della municipale di Lugano, il terzo per la municipale dall’inizio delle indagini.

La capodicastero Sicurezza è stata interrogata sia dal procuratore generale, Andrea Pagani, sia dall’avvocato degli autogestiti e rappresentante degli accusatori privati, Costantino Castelli, che in questa fase dell’inchiesta ha facoltà di porre domande all’imputata.

Come noto, l’inchiesta penale avviata in seguito alla denuncia dei Verdi riguarda le ipotesi di reato di abuso d’autorità; abuso di violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia; infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente; e danneggiamento.

Il Municipio, a maggioranza (si sono distanziati Cristina Zanini Barzaghi e Roberto Badaracco) aveva deciso lo sgombero dell’ex Macello e, dopo l’occupazione dell’ex Istituto Vanoni da parte di un gruppo di autogestiti, nella notte sono giunte le ruspe che hanno abbattuto l’edificio che ospitava il dormitorio degli autonomi. Un’azione, come hanno ricostruito in questi mesi le diverse inchieste giornalistiche, che sarebbe già stata pianificata con largo anticipo, lasciando aperti numerosi interrogativi sull’operato della maggioranza del Municipio.

Tra le diverse versioni a legittimazione dell’agire dell’autorità cittadina, la clausola d’urgenza invocata dopo l’inattesa occupazione dell’ex Istituto Vanoni al termine di una manifestazione pacifica.

La possibile via di ricorso

Il pg, Andrea Pagani, dovrà ora decidere se vi siano sufficienti indizi a carico della municipale di Lugano eletta lo scorso aprile in seno all’Esecutivo cittadino per promuovere nei suoi confronti l’accusa o se invece propendere per un decreto di abbandono, epilogo, quest’ultimo, già preannunciato dal magistrato a metà novembre e che scriverebbe la parola “end” all’inchiesta.

L’avvocato Elio Brunetti la scorsa settimana aveva evidenziato in un comunicato stampa che la sua assistita resta “serenamente in attesa di conoscere le motivazioni della decisione di abbandono del procedimento”. Fatta salva la possibilità di ricorso davanti al neogiudice della Corte dei reclami penali, Nicola Respini, della quale l’avvocato Costantino Castelli potrà ancora avvalersi.

Castelli: ‘I chiarimenti sono venuti meno’. Brunetti: ’Ha chiarito’

Da noi interpellata all’uscita dall’interrogatorio, durato oltre due ore, la municipale Karin Valenzano Rossi ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

Dal canto suo, l’avvocato Costantino Castelli, a nostra domanda su come si sia svolto l’interrogatorio, ha semplicemente lasciato intendere generale insoddisfazione. Il legale ritiene, in estrema sintesi, che i chiarimenti richiesti siano venuti meno.

Di avviso diverso l’avvocato Elio Brunetti, che ha affidato a un comunicato stampa la sintesi dell’audizione:

“In occasione dell’interrogatorio odierno l’avv. Costantino Castelli ha potuto porre all’On. Karin Valenzano Rossi le sue numerose domande che si riferivano tutte a fatti già chiariti dalla mia assistita nelle sue due precedenti audizioni a eccezione di un paio di domande su fatti non noti o non di competenza della mia mandante. L’On. Karin Valenzano Rossi ha quindi potuto riferirsi a quanto aveva già esaurientemente dichiarato in occasione delle sue precedenti verbalizzazioni. Il procuratore generale avv. Andrea Pagani non aveva invece altre domande da porre”.

Leggi anche:

Ex Macello, Valenzano Rossi sarà sentita come imputata

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’
Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
1 ora
Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa
Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
8 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
10 ore
‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’
A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
11 ore
Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni
Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
gallery
Mendrisiotto
11 ore
Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso
L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
11 ore
Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave
L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Ticino
12 ore
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
13 ore
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
15 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
© Regiopress, All rights reserved