laRegione
25.11.21 - 15:37
Aggiornamento: 18:58

Lugano: ingannarono un ricco anziano, fiduciari condannati

L’uomo (ora deceduto) aveva confidato loro di aver frodato il fisco, consegnò 3 milioni in cambio di una rendita mensile. Pene di 24 e 18 mesi sospesi

lugano-ingannarono-un-ricco-anziano-fiduciari-condannati
Archivio Ti-Press
Alla sbarra un 72enne e una 70enne del Luganese

«Ora ho solo voglia di fare il pensionato, e magari scriverò un libro sulla mia vita». Si è difeso così un 72enne comparso quest’oggi davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano. L’uomo, agendo in qualità di pseudo-fiduciario (di fatto sprovvisto della patente) in correità con una complice, aveva convinto un 90enne (nel frattempo deceduto) a versare i suoi averi non dichiarati nelle casse di una loro società. La cifra in gioco è di quelle importanti: 3 milioni di franchi. I reati ipotizzati riguardavano truffa, subordinatamente usura e amministrazione infedele aggravata, falsità in documenti, nonché appropriazione indebita d’imposta alla fonte. Il caso era approdato in aula già lo scorso mese, arrivando a un esito inusuale: un rinvio di 30 giorni per permettere alle parti di concludere una sorta di “patteggiamento” discusso a porte chiuse. La ragione è che accusa e difesa hanno parlato degli averi dei due imputati e dell’importante capitolo risarcitorio a favore della vittima, che ha subìto un danno patrimoniale non inferiore a 1 milione di franchi secondo il procuratore pubblico Daniele Galliano. Il resto della somma era già stato recuperato. Un accordo poi trovato: con la proposta di condanna a un importante risarcimento e a una pena di 24 mesi per l’uomo e a 18 mesi per la donna, entrambe sospese con la condizionale. L’accusa di truffa è invece caduta. Provvedimento poi confermato in parte dal giudice Marco Villa, che alla 70enne difesa dall’avvocato Luca Marcellini ha inflitto solo 15 mesi, «per via del suo sincero pentimento. Mi auguro che in futuro voi due non capiterete più in altri inciampi» – ha auspicato il presidente della Corte.

‘Fingevano false solidità finanziarie’

I fatti risalgono al periodo tra il marzo 2013 e il novembre 2014. A denunciare i due pseudo-fiduciari era stata la figliastra della vittima. I due avevano sconsigliato alla vittima, anche minacciandola e terrorizzandola, di mettersi in regola col fisco. Così l’anziano ha accettato d’immettere nella società gestita dai due cittadini svizzeri residenti nel Luganese l’ingente somma come prestito e accettando di ricevere in cambio un importo mensile a titolo di stipendio fittizio. Il 72enne, difeso dall’avvocato Marco Bertoli, si era più volte mostrato sicuro della solidità finanziaria della sua società, situazione che non corrispondeva però alla realtà dei fatti, visto che aveva accumulato attestati di carenza beni per quasi 2 milioni di franchi. Situazione che gli aveva fatto anche perdere il titolo di fiduciario che però continuava ad ostentare.

Leggi anche:

Confidò d’aver frodato il fisco per milioni e finì gabbato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
7 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
8 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
9 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
9 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
10 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
11 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
11 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
11 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
13 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved