laRegione
lugano-neon-e-buio-in-salita-chiattone-un-obbrobrio
Ti-Press
Così simili, così diverse
Luganese
 
25.11.21 - 05:250
Aggiornamento : 15:02

Lugano, neon e buio in salita Chiattone: ‘Un obbrobrio’

Da un mesetto mancano gli storici lampioni nella centralissima scalinata. Lo scontento dei commercianti: ‘Proprio sotto Natale’

Un Black Friday al neon, o al buio a seconda di dove ci si trova. Serpeggia il malcontento fra i commercianti della salita Chiattone di Lugano. Il motivo? La provvisoria illuminazione pubblica che campeggia più o meno a metà della centralissima scalinata: alcune luci al neon installate su un palo di legno, con tralicci ben in vista. Luci provvisorie come detto, in quanto gli storici ed eleganti lampioni sono stati ritirati oltre un mese fa per dei lavori di restauro, ma che si stanno protraendo più dell’atteso. E in un periodo delicato per una via dello shopping: novembre e dicembre sono i mesi più remunerativi dell’anno per i negozianti.

‘È il periodo più importante dell’anno: non si poteva fare in estate?’

«Avevamo dei lampioni d’epoca che conferivano un aspetto elegante e caratteristico alla salita – spiega Anita Gianinazzi, del negozio Cartaya –. Li hanno portati via più di un mese fa, credevamo che sarebbe stato per un paio di settimane, invece la cosa si sta prolungando... e in sostituzione ci hanno messo questa ‘roba da cantiere’. Chi passa di qui di fretta non lancia neanche l’occhio verso le vetrine. In tutta la nostra strada non siamo contenti, perché tutto questo non invoglia a passare da qui, non è bello da vedere. Per noi questo è il periodo più importante di tutto l’anno: non si poteva fare in estate?». Dello stesso avviso anche Davide Loss (Sapori Bio): «Trovo discutibile che abbiano lasciato una delle parti più belle e caratteristiche di Lugano con quest’illuminazione, in questo periodo. Penso che si sarebbero potute trovare soluzioni migliori e soprattutto in un altro momento dell’anno». L’esercizio di Loss si trova nella parte rimasta al buio della scalinata, dopo che sono stati tolti i lampioni: le luci neon infatti sono potenti, ma con un raggio limitato. «Noi chiudiamo alle 17, perciò non siamo toccati direttamente dal disagio legato alla luce – spiega –. Però resta la questione estetica: così, da vedere, è proprio brutto. E poi c’è il fattore sicurezza. Indipendentemente dagli acquirenti, per chiunque passi dalle parti al buio di sera o notte, può essere poco simpatico. Soprattutto se dovesse nevicare...».

‘Sotto Natale con luci da stadio, vergognoso’

Nella parte al buio resta anche l’Oreficeria Oreria al numero civico 7. «Di fatto l’unica illuminazione che abbiamo è quella della nostra vetrina – ci dice Mariangela Prodomi –, è davvero un po’ triste. Ho chiamato ieri (martedì, ndr) le Ail e mi hanno detto che fra verniciatura e rifacimento degli impianti elettrici sicuramente ci vorranno ancora un paio di settimane prima che i lampioni vengano rimessi. Però nel frattempo saremo ormai quasi a Natale senza avere le luci. Quando le hanno tolte ci è stato detto ‘massimo un mese’, e invece... Oltretutto, non è stato avvisato nessuno. La trovo una cosa piuttosto vergognosa: sotto Natale ci troviamo con un’illuminazione da stadio, mentre in tutte le altre vie del centro stanno già installando le decorazioni festive». E in effetti, la città si sta pian piano riempiendo di luminarie in vista dell’Avvento. «Spero che ci rimettano i lampioni quando installeranno le luci natalizie in via Cattedrale», si augura Maria Mini (Boutique Tropicana). Via Cattedrale, dove però delle luminarie sono già state posate. E il confronto con l’adiacente via, altrettanto orientata allo shopping e altrettanto caratteristica, in effetti avvalora l’insoddisfazione dei commercianti di salita Chiattone. «Esteticamente è un obbrobrio – ancora Mini –. Il neon è direttamente fuori dal mio negozio, quindi io a differenza di altri di luce ne ho tanta, più del normale. Però non è bella. Ci sono dei cavi in giro, non penso siano pericolosi, ma esteticamente sono anche quelli un pugno nell’occhio. Così com’è, sembra proprio un cantiere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Formazione dei docenti, presentata l’offerta formativa 2022/2023
Sottolineata in particolare la possibilità, per chi è in possesso dei requisiti, di formarsi come docente di francese alle Medie, figura molto richiesta
Ticino
4 ore
Proseguono i cantieri Ffs in Ticino
I lavori coinvolgono o coinvolgeranno le stazioni di Rivera-Bironico e Maroggia-Melano, la linea di montagna del Ceneri e gli scambi a Biasca
Ticino
4 ore
Nel fine settimana 22 classi in quarantena
A Novaggio in quarantena tre sezioni di scuola elementare, altre due sezioni a Bioggio dopo le due della scorsa settimana
Luganese
5 ore
Lugano, nel 2022 l’acqua potabile sarà più cara
La tassa sarà incrementata di circa il 20%. L’aumento interesserà sia le tasse di base sia quelle di consumo
Ticino
5 ore
Altri due decessi per Covid in Ticino e 4 ricoveri in 72 ore
Nel corso del fine settimana, venerdì compreso, si sono registrati 344 contagi, quasi il 50% in più rispetto a lunedì scorso e il dato più alto da un anno
Ticino
6 ore
Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino
47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1° dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Ticino
9 ore
Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri
Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Ticino
10 ore
Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi
Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Mendrisiotto
10 ore
Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare
Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Economia
10 ore
‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’
Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile