laRegione
arriva-a-bioggio-la-rocket-league-non-sono-giochini
Iscrizione per minorenni? Solo se vanno bene a scuola (Archivio Ti-Press)
23.11.21 - 16:53
Aggiornamento: 19:34

Arriva a Bioggio la Rocket League, ‘non sono giochini’

Il primo torneo ticinese di questo eSport mette in palio un montepremi di 4mila franchi. ‘Serve un nuovo approccio a queste discipline’

«Molte persone vedono ancora gli eSport come dei ‘giochini’. Non è così, sono delle vere e proprie attività sportive, entrate di diritto nelle discipline olimpiche». Parola di Massimiliano Longo, co-fondatore dell’associazione di eSport Akr con sede a Bioggio. «Al momento abbiamo 30 membri attivi, e siamo sempre alla ricerca di nuovi talenti. Quando siamo nati volevamo evitare che il Ticino fosse l’ultima ruota del carro in questo settore». Tra le varie iniziative promosse dall’associazione c’è il primo torneo ufficiale della Rocket League, un gioco virtuale a squadre che unisce calcio e motori. Lo scopo è quello di segnare nella porta avversaria spingendolo il pallone con un’automobile, all’interno di un’arena futuristica. Le iscrizioni sono aperte da oggi sul sito www.esportmaster.net, a dicembre ci saranno le fasi di qualificazione online (i team iscritti si potranno mettere d’accordo direttamente tra loro per le partite), mentre la finale avrà luogo domenica 9 gennaio alla eSport Matrix Arena di Bioggio. Alla competizione possono iscriversi gratuitamente un massimo di 30 squadre (formate da 3 giocatori). In palio c’è anche un montepremi di circa 4’000 franchi. «Lo scopo è di offrire ai giovani qualcosa di nuovo sul territorio e farli dialogare tra loro. È un’occasione d’incontro per portare i ragazzi fuori dalle loro stanze dove si collegano abitualmente. Chi poi si dimostrerà capace potrà accedere alle competizioni a livello nazionale e magari anche internazionale». Tra queste c’è la eSport League del Tcs, che è promotore dell’evento. Il torneo a livello nazionale è giunto già alla settima edizione. «Il primo anno non c’era molto interesse, con 5’000 utenti che si sono collegati per seguirla. Ora siamo a 225mila, la crescita è esponenziale», ha spiegato il responsabile della comunicazione di Tcs Ticino Marco Colandrea.

‘Accettiamo solo ragazzi che vanno bene a scuola’

Tra gli obiettivi dell’associazione c’è anche quello di cambiare l’idea che tante persone hanno degli eSport. «Non sono semplici videogiochi, ma sport a tutti gli effetti. La concentrazione mentale richiesta è altissima, e anche le capacità tecniche. A cambiare approccio devono essere anche i genitori». Proprio per questo motivo ai ragazzi minorenni che si iscrivono al torneo è richiesto di avere una media a scuola almeno del 4,5. «È un impegno importante e non deve precludere un buon andamento scolastico. Proprio come capita per calcio o basket», ha fatto notare Longo durante una conferenza stampa di presentazione tenuta al centro Tcs di Rivera. Un altro elemento importante emerso è il legame con il territorio. «I team iscritti dovranno essere composti da almeno due giocatori residenti in Ticino». Le partite potranno essere seguite in diretta e commentate sul canale Twitch ‘MatrixVr eSport Arena’. Un sempre maggiore interesse verso queste discipline è testimoniato anche dai numeri. Si calcola infatti che in Svizzera il 5,5% della popolazione (circa 1 persona su 20) guarda regolarmente eSport, mentre il 3,2% li pratica attivamente (magari anche guadagnandi). «Arrivare a fare i professionisti e ricevere tanti soldi è molto più difficile di quello che si pensa. Non basta essere forti al gioco ma servono anche altre caratteristiche. Però mai dire mai, nulla è impossibile», ha concluso Massimiliano Longo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bioggio marco colandrea massimiliano longo rocket league tcs
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
30 min
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
3 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
4 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
4 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
4 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
7 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
10 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
10 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
Ticino
10 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
18 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
© Regiopress, All rights reserved