laRegione
Luganese
19.11.21 - 16:44

Appropriazione e truffa: graziato dall’espulsione

Condanna sospesa per un pregiudicato di origine laziale; ha intascato anche i fondi Covid

appropriazione-e-truffa-graziato-dall-espulsione

Arrivato in Svizzera nel 2012, un 34enne laziale residente nel Luganese ha ricevuto la sua terza condanna penale. I reati imputatigli sono di appropriazione indebita e truffa nell’ambito dei prestiti della Confederazione alle aziende danneggiate dalla pandemia di Covid-19. I precedenti erano nel 2015 sempre per appropriazione indebita e del 2019 per stupefacenti (cocaina). La Corte delle Assise correzionali ha ratificato la proposta di pena di 10 mesi di detenzione sospesi con la condizionale. Il 34enne è stato ‘graziato’ dall’espulsione, che per legge sarebbe obbligatoria nel caso di reati come la truffa. È stata fatta valere la clausola dell’eccezione dovuta alle sue relazioni con il territorio ticinese in ambito lavorativo e immobiliare, benché non di lunga data. «Siamo veramente al limite, la prossima che fa il permesso di soggiorno se lo scorda» ha detto all’imputato il giudice Ermani. I reati sono stati commessi nell’ambito dell’amministrazione di società. Nel 2015 stipulò un contratto col fratello della sua compagna per la ristrutturazione di un immobile. Ricevuto un acconto di 510mila franchi, ne spese circa 150mila per i lavori sul cantiere ma intascò la differenza, ben 360mila franchi. Soldi impiegati per far fronte alle difficoltà della società in ambito finanziario, una sorta di “buco tappa buco”. Il risultato fu il blocco del cantiere coi lavori sospesi nell’aprile del 2016.

Con una seconda società di cui era dirigente effettivo, chiese e ottenne dalla Confederazione una fideiussione di 20mila franchi, dichiarando una cifra d’affari di 200mila franchi. Lo scopo non era però salvare la ditta nel periodo della pandemia, ma intascare i soldi che l’altro proprietario della società gli doveva. Un ‘inganno astuto’ ai danni della banca Ubs, che forniva materialmente la fideiussione: il giorno stesso in cui arrivarono i soldi, metà degli stessi, 10mila franchi, vennero bonificati su un conto bancario del 34enne.

Spacciatore condannato con la condizionale

La stessa corte ha in mattinata condannato pure un consumatore-spacciatore di marijuana e cocaina, un 34enne di Lugano residente nel Varesotto: un anno con la condizionale la pena, per lo smercio, nel Luganese, di 575 grammi di ‘erba’ e 157 grammi di coca. La ripetuta contravvenzione alla legge sugli stupefacenti, dovuta al consumo personale, è stata depennata dall’atto d’accusa per intervenuta prescrizione. L’uomo ha fatto richiesta di rimpatrio; non dovrebbero esserci difficoltà trattandosi di un cittadino svizzero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
4 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
4 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
4 ore
Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate
Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
11 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
11 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
14 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
15 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
18 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
1 gior
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
© Regiopress, All rights reserved