laRegione
tornano-a-crescere-i-debiti-di-campione-d-italia-verso-lugano
Ti-Press
Si vive nell’attesa che il casinò riapra
14.11.21 - 17:39
Aggiornamento: 18:45

Tornano a crescere i debiti di Campione d’Italia verso Lugano

Circa 418’000 franchi il nuovo scoperto relativo alle acque fognarie. La Città: ‘In caso di morosità richiederemo mediazione di Cantone e Confederazione’

Tornano a crescere i debiti di Campione d’Italia nei confronti di Lugano. È la Città stessa a renderlo noto, rispondendo a un’interrogazione del consigliere comunale Andrea Censi (Lega). I problemi riguardano in particolar modo la fatturazione dei costi generati dal Consorzio Depurazione Acque Lugano e Dintorni (Cdaled): gli scoperti a carico dell’enclave italiana per gli anni di gestione 2021 e 2022 (fino a metà ottobre) ammontano complessivamente a circa 418’000 franchi. Questo, perché “il Comune di Campione d’Italia non paga le fatture entro i termini prestabiliti. Si limita – presumibilmente quando può – a versare degli acconti relativi unicamente alla fatturazione dei costi di gestione corrente del Cdaled pari al 90% del fatturato. Le posizioni relative alla tassa microinquinanti, alla manutenzione stazione pompaggio Caprino e i costi per investimenti non vengono onorati”.

‘Difficoltà ad avere una controparte stabile’

In caso di morosità, “dovremo tornare a richiedere la mediazione del Cantone e della Confederazione al fine di garantire interventi, si spera, risolutivi, delle autorità governative italiane” aggiunge la Città. Il Municipio spiega inoltre a Censi che non è ipotizzabile una ‘prova di forza’ “considerato che il mancato convogliamento delle acque luride di Campione a Bioggio potrebbe comportare lo scarico dei liquami a lago”, cosa che secondo le leggi italiane configurerebbe il reato di inquinamento colposo. A peggiorare la situazione, “la difficoltà riscontrata negli anni di garantirci una controparte stabile con la quale discutere e risolvere problematiche”. L’esecutivo, che sottolinea di non aver sinora ancora incontrato la nuova amministrazione che guida Campione, si augura pertanto di poter tornare a discutere nel 2022 per trovare una soluzione anche riguardo alla convenzione con il consorzio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campione campione d'italia cdaled lugano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
54 min
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
1 ora
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
1 ora
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
2 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
2 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
3 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio inflitte oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
3 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri Cantoni
Bellinzonese
4 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10.15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved