laRegione
11.11.21 - 17:26
Aggiornamento: 18:39

Lugano: parco temporaneo al posto dei posteggi di Besso

La gran parte del parcheggio ex Pestalozzi verrà trasformato in area verde fino alla fine del 2023, nell’ambito del cantiere per il nuovo sottopassaggio

lugano-parco-temporaneo-al-posto-dei-posteggi-di-besso
Oltre la metà diventerà (provvisoriamente) verde (Ti-Press)

Besso avrà due nuove aree verdi, seppur temporanee. Il Municipio di Lugano intende infatti trasformare in parchi la maggior parte del parcheggio ex Pestalozzi e il parco in via Lucerna. Una soluzione ‘tampone’, durante il cantiere per il nuovo sottopasso pedonale di Besso avviato la scorsa estate. «Un cantiere che durerà per i prossimi dieci anni e che purtroppo provocherà diversi disagi alla popolazione – ha ricordato la capodicastero Spazi urbani Karin Valenzano Rossi – e l’idea del Municipio è quella di mitigare il più possibile questi disagi, ricavando dei nuovi spazi verdi». I lavori, come noto, comporteranno l’eliminazione dei giardinetti di Besso: circostanza che ha scatenato diverse polemiche, portando anche diversi bambini del quartiere a scrivere all’ex sindaco Marco Borradori chiedendo di salvare le piante. In tal senso si erano mossi anche Besso Pulita! e diversi atti parlamentati del legislativo.

Il parco in via Lucerna? ‘Ci piacerebbe renderlo definitivo’

Infine, l’esecutivo ha dato ascolto alle lamentele, e come anticipato già un paio di mesi fa, richiederà al Consiglio comunale un credito (400’000 franchi) per la realizzazione dei lavori. A gennaio l’accesso all’ex parcheggio Pestalozzi verrà chiuso. Una parte del sedime verrà utilizzata per allestire il cantiere, mentre la maggior parte – circa 1’150 metri quadrati su 1’880 – verrà adibita ad area verde. «Verranno mantenuti tutti gli alberi presenti, tranne uno» ha sottolineato la municipale, aggiungendo che saranno piantati nuovi alberi e aiuole. E a proposito di trapianti, per la maggior parte di quelli dei giardinetti è stata trovata una ricollocazione alternativa. In parte nel parco in via Lucerna, attualmente chiuso al pubblico e di proprietà del Cantone. I suoi 4’000 metri quadrati diventeranno di accesso pubblico, dopo adeguata sistemazione con arredi urbani e illuminazione. «Anche questa è una soluzione temporanea, ma ci piacerebbe che nel lungo periodo rimanga un parco cittadino».

Il parco al posto dell’ex Pestalozzi rimarrà invece area verde fino alla fine del 2023, perché nel 2024 è previsto che lì inizi il cantiere per il Tram-Treno. Gli alberi e le aiuole piantati provvisoriamente saranno poi trasferiti in altri luoghi della città, gli alberi invece già oggi presenti e troppo grandi per cambiare casa saranno «sacrificati». «Per le operazioni di inverdimento ci piacerebbe coinvolgere le scuole e le associazioni di quartiere», ha aggiunto Valenzano Rossi, ricordando infine che questa non è la soluzione di equipollenza richiesta dal legislativo per la sostituzione dei giardinetti e che a quella si arriverà più in là.

Leggi anche:

Giardinetti di Besso, i bambini scrivono a Borradori

Giardinetti di Besso, salvate quasi tutte le piante

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
18 sec
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
30 min
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
1 ora
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
3 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
4 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
6 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
7 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
10 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
10 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
© Regiopress, All rights reserved