laRegione
08.11.21 - 19:14

‘La Nazionale al Pse? Difficile giocare gare sul sintetico’

Pier Tami spiega che difficilmente si potranno organizzare partite internazionali della ‘Nati’ a Lugano. Foletti: ‘Artificiale scelta pragmatica’

la-nazionale-al-pse-difficile-giocare-gare-sul-sintetico
Ti-Press/S. Golay
In posa sul terreno di Cornaredo

«Torno sempre con grande piacere a Lugano, qui ho giocato e allenato. Rispetto ad allora le strutture non sono cambiate molto, spero quindi che il Polo sportivo e degli eventi (Pse) possa portare a tutto il cantone uno stadio come si merita. È in ballo il futuro del calcio professionistico in Ticino», ha spiegato in conferenza stampa Pier Tami, direttore sportivo e responsabile della Nazionale A. Chi sogna di vedere in futuro Sommer e compagni scendere in campo nel nuovo impianto luganese potrebbe però rimanere deluso. La Nazionale infatti non è solita giocare partite internazionali casalinghe su terreni sintetici, come quello che dovrebbe essere posato nel nuovo impianto. «Il problema sono i rapporti con i club. In Germania e Inghilterra i campi sintetici non ci sono e le squadre non vogliono che i loro giocatori li utilizzino». Rinunciare all’erba naturale è però stata una scelta necessaria per la Città, si è smarcato il sindaco Michele Foletti: «Si è trattato di una scelta pragmatica. Con un campo sintetico possiamo massimizzare le ore di utilizzo, per noi era un aspetto importante visto che il numero di terreni da gioco a Cornaredo non verrà aumentato. Inoltre il Pse è pensato anche per gli eventi, e la scelta del sintetico va in questa direzione».

‘Per noi è un derby’

«Non è la prima volta che la Nazionale giunge in visita a Lugano, per noi rappresenta un’opportunità incredibile a livello di visibilità. Sul piano organizzativo ci siamo sempre mostrati all’altezza delle aspettative. La stessa cosa purtroppo non possiamo dirla per le nostre vetuste infrastrutture di Cornaredo. I giocatori se ne renderanno conto loro stessi. Con il nuovo stadio potremmo invece avere un’offerta al top e diventare interessanti anche per il turismo sportivo di alto livello, ospitando magari ritiri di squadre di livello mondiale», ha osservato il municipale Roberto Badaracco. «Per noi, è inutile negarlo, quella che stanno preparando gli uomini di Murat Yakin è una sfida speciale. Un derby calcistico molto sentito alle nostre latitudini. Speriamo che il soggiorno ticinese porti fortuna ai giocatori in vista della partita di venerdì a Roma contro l’Italia». Lo stesso Pier Tami ha riconosciuto l’importanza emotiva della partita: «I punti in palio sono molto importanti, ma sappiamo bene che in ballo c’è molto di più. Vogliamo poter regalare al Ticino la stessa gioia che ha vissuto la Svizzera francese dopo aver eliminato dai Mondiali la Francia. Ci piacerebbe poter tornare qui a Lugano dopo la partita e vedere i tifosi felici per quanto abbiamo fatto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
4 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
11 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
11 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
13 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
13 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
13 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
14 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
14 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
18 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved