laRegione
04.11.21 - 16:30

Violazioni dei diritti di Pechino, ‘Lugano non le legittima’

Il Municipio risponde all’interrogazione dei Verdi sulle attività diplomatiche della Città con la Cina e sui presunti contrasti con Berna

violazioni-dei-diritti-di-pechino-lugano-non-le-legittima
Ti-Press
Autorità cinesi a Palazzo civico a Lugano

“Il Municipio condanna qualsiasi azione che leda i diritti umani di individui o popolazioni. Non ritiene tuttavia che le attività diplomatiche e i progetti in essere con la Cina costituiscano una legittimazione di tali azioni”. Così risponde l’Esecutivo di Lugano all’interrogazione presentata da Niccolò Castelli e cofirmatari, volta a indagare i rapporti con la diplomazia cinese. Alla domanda, se “i continui inviti ufficiali dell’ambasciatore di Cina a Berna siano in contrasto con le critiche della Confederazione svizzera verso la Repubblica Popolare Cinese” e se “ciò non costituisca di fatto una legittimazione del genocidio praticato dalla Repubblica Popolare Cinese negli ultimi decenni in danno di minoranze etniche, religiose e politiche in Cina e in Tibet”, la Città risponde: “In generale, la visita a Palazzo Civico di un ambasciatore cinese in carica rientra nella prassi diplomatica per cui i nuovi ambasciatori, oltre a presentarsi ai governi cantonali, chiedono di essere ricevuti per una visita di cortesia ai Comuni svizzeri con cui sono attivi dei partenariati. È quindi improprio parlare di continui inviti ufficiali. Oltre alle relazioni diplomatiche con l’ambasciata cinese a Berna e con l’ambiasciata svizzera a Pechino, la Città ha costruito negli anni legami culturali, formativi e commerciali finalizzati a creare una rete di contatti a sostegno, da un lato, di scambi educativi e, dall’altro, delle realtà accademiche, imprenditoriali e turistiche presenti a Lugano e nel Cantone, interessate alle relazioni con la Cina”.

Lugano difende i legami culturali, formativi e commerciali

Ma in occasione degli incontri in Municipio con l’ambasciatore della Cina a Berna – solleva l’interrogazione – il Municipio ha almeno evocato concretamente l’obbligo della Cina di rispettare i diritti umani? Ha chiesto l’immediata liberazione di tutte le persone detenute in Cina e nel Tibet, per il solo fatto di non appartenere all’etnia Han? “Nel 1991 è stato avviato il dialogo bilaterale sui diritti umani tra la Svizzera e la Cina con l’obiettivo di affrontare la situazione dei diritti umani, della libertà di espressione e dei diritti delle minoranze in modo aperto e critico”. Gli autori dell’interrogazione hanno osservato, come la diplomazia della Cina sia ormai universalmente definita aggressiva. La Città risponde che “con i rappresentanti cinesi non si sono mai riscontrati atteggiamenti aggressivi o rivendicativi” e che “un allontanamento della Svizzera dalla Cina – ha valutato la Confederazione – non avrebbe alcun impatto positivo sullo sviluppo politico interno cinese, in compenso danneggerebbe la popolazione locale e gli interessi svizzeri”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 min
Bertoli sull’arresto del direttore: ’Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
1 ora
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17.
video
Locarnese
1 ora
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti.
Luganese
2 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
4 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
5 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
5 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
7 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
7 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
17 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved