laRegione
26.10.21 - 21:52
Aggiornamento: 22:10

Lugano, Comitato commercianti scettico sul Polo sportivo

I vertici sottoscrivono l‘Appello per il no, a causa dei ‘comunali’ spostati a Cornaredo, ma il presidente precisa: ’Ci sono anche i favorevoli’

lugano-comitato-commercianti-scettico-sul-polo-sportivo

Il tema Polo sportivo e degli eventi (Pse) non è stato discusso nell’assemblea ordinaria della Società dei commercianti di Lugano in programma stasera. Tuttavia, l’argomento è d’attualità e fa scrivere fiumi d’inchiostro a circa un mese dall’appuntamento con le urne per il referendum lanciato dal Movimento per il socialismo (Mps). Per cui, abbiamo colto l’occasione per chiedere al presidente e avvocato Rupen Nacaroglu, da che parte sta la società? «Non è facile rispondere, è un tema che divide – sostiene Nacaroglu –. In comitato c’è stata una discussione dalla quale è emersa l’intenzione di sottoscrivere l’Appello per il no, con particolare riferimento al trasferimento di una parte dei dipendenti dell’amministrazione della Città verso Cornaredo. Ogni singolo commerciante ha però la propria posizione e ci sono anche i favorevoli. È una categoria molto eterogenea. A titolo personale, la mia posizione è chiara: sono favorevole, pur avendo sollevato alcune criticità legate allo spostamento degli uffici dell’amministrazione cittadina in via della Posta. Avrei preferito che si trovassero soluzioni, per evitare lo svuotamento del centro. Però, a lungo termine, ritengo che i benefici che potrebbe portare il Pse, siano ben maggiori rispetti agli svantaggi, per il commercio».

‘La pandemia ha generato incertezza’

Al di là della posizione sul Pse, come è stato il bilancio della presidenza? Lei è entrato in carica in piena pandemia, proprio l’anno scorso, nella seconda ondata di Covid, prendendo il posto di Paolo Poretti che ha lasciato la società dopo averla condotta per oltre vent’anni. «È stato un quasi biennio (2020-2021) di transizione, dovuto al cambio della presidenza e alla riorganizzazione della Società dei commercianti – osserva Nacaroglu –. In secondo luogo, la pandemia ha generato incertezza e spesso ci ha chiamato a risolvere tanti problemi pratici dei soci, confrontati con disposizioni sanitarie che cambiavano di frequente. È stato un lavoro molto importante che ha richiesto un grande impegno sin dal primo giorno e che evidentemente ha in qualche modo frenato lo sguardo verso il futuro e le nuove attività. Nel frattempo, abbiamo nominato Giuliano Tallarini nuovo segretario». Se la pandemia finisse o almeno si ridimensionasse, «il 2022 sarebbe un anno in cui potremmo dedicarci meglio alle attività future», afferma.

‘Anno perfetto per un presidente avvocato’

Quali sono stati i principali problemi? «Il grosso dei problemi è stato il continuo adattamento alle mutevoli norme sanitarie e il dover districarsi tra le varie formalità burocratiche da ottemperare (aperture, chiusure, richieste di aiuto e lavoro ridotto)» rileva il presidente, con una battuta: «L’anno perfetto in cui la società ha avuto a disposizione un presidente avvocato». Al di là della battuta, la categoria ne ha risentito? «Da una parte, la situazione è stata penalizzante perché, come detto, l’emergenza sanitaria ha bloccato le iniziativa di promozione del commercio che abbiamo dovuto un po’ accantonare – osserva il presidente –. D’altra parte, è stato un periodo molto stimolante, perché ho avuto tante occasioni per entrare in contatto con i singoli commercianti, che hanno trovato supporto da persone competenti che rispondevano a domande pratiche sui cambiamenti delle disposizioni sanitarie. C’è anche stato un grosso lavoro di rappresentanza, svolto assieme alla Federcommercio, con Il Dipartimento dell’economia e quello delle Istituzioni». Un bilancio tutto sommato positivo, quello tracciato da Nacaroglu.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
5 ore
50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro
Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
5 ore
Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano
Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Luganese
6 ore
Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori
La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
6 ore
Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona
Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Mendrisiotto
8 ore
‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’
La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Locarnese
9 ore
‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’
Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
9 ore
‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’
Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
Mendrisiotto
10 ore
Chiasso festeggia l’autunno e i suoi sapori
La 14esima edizione della festa, abbinata alla Sagra cantonale del miele, è in programma domenica 16 ottobre
Bellinzonese
12 ore
I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’
La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più
Ticino
15 ore
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
© Regiopress, All rights reserved