laRegione
20.10.21 - 17:51

Muzzano, pianificazione: il piano del Vedeggio torna al... 1984

Il Consiglio di Stato non ha approvato la variante del 2003 per la zona, riportando di fatto in vigore il Piano regolatore di 37 anni fa

muzzano-pianificazione-il-piano-del-vedeggio-torna-al-1984
Archivio Ti-Press
L’area della piana del Vedeggio del comune di Muzzano

Muzzano ritorna al 1984. O almeno, la parte del Comune che è situata sul piano del Vedeggio. Come risulta dal ‘Foglio Ufficiale’ del 19 ottobre, infatti, il Consiglio di Stato (CdS) ha respinto la variante di Piano regolatore per la zona. Una variante approvata dal Consiglio comunale nel 2003 e sospesa addirittura dal 2005. «Ce lo aspettavamo – ammette Verena Hochstrasser –, d’altra parte fa seguito alla sentenza del Tribunale cantonale amministrativo, che aveva rinviato tutto l’incarto al CdS, affinché prendesse una nuova decisione. Ora di fatto siamo tornati al 1984».

L’ultima variante valida per la zona, che comprende i principali terreni industriali-artigianali e agricoli del comune, è vecchia quindi di trentasette anni. «Non siamo sorpresi, abbiamo sottoposto la decisione ai pianificatori, ma in pratica ora dovremo ripartire con la progettazione della zona – spiega la sindaca –. Nella scorsa legislatura avevamo già previsto che si sarebbe dovuto pianificare di nuovo. Quella del 2003 era comunque già una pianificazione ormai vecchia, i presupposti da allora sono cambiati. C’è, ad esempio, un Piano direttore cantonale che è stato introdotto nel frattempo e che bisogna rispettare. Pertanto l’anno scorso abbiamo già preparato un masterplan e sulla sua base adesso dovremo preparare il Piano d’azione comunale per ripartire con la progettazione». Dal 2003 sono passati diciotto anni, ma dal 1984 trentasette... «e il mondo è cambiato e anche la zona non è più la stessa. Non c’erano numerose aziende. Le nuove costruzioni sono state edificate in base alle decisioni del 2003 e del 2015, però adesso come adesso risultano ‘fuorilegge’ e quindi è necessario riordinare e riorganizzare alla luce delle nuove direttive».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
13 min
Bertoli sull’arresto del direttore: ’Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
1 ora
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17.
video
Locarnese
1 ora
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti.
Luganese
2 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
4 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
6 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
6 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
8 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
8 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
17 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved