laRegione
18.10.21 - 16:45
Aggiornamento: 18:13

Eroina sul treno a Lamone, condanne fino a 6 anni

La Corte delle Assise criminali di Lugano ha condannato i ‘muli’ intercettati il 15 aprile con tre chili di droga nascosti nello zaino

eroina-sul-treno-a-lamone-condanne-fino-a-6-anni
archivio Ti-Press
Sul treno diretto a Milano è intervenuta anche l’unità cinofila

Un viaggio organizzato che i due imputati stavano effettuando insieme, anche se all’apparenza separati, per trasportare tre chili di eroina. «Un quantitativo ingente e non bagatella», come lo ha definito il giudice Siro Quadri, presidente della Corte delle Assise criminali di Lugano che oggi ha condannato i due imputati a processo da mercoledì scorso per infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. Quelle emesse nei confronti dei due trasportatori, partiti dalla Germania e controllati dalle Guardie di confine e dall’unità cinofila su un treno diretto a Milano in territorio di Lamone, sono appunto due sentenze di condanna. L’uomo, un 29enne gambiano residente in Germania, è stato condannato a 6 anni di detenzione. La donna, una 21enne ceca residente in Germania, è invece stata condannata a 5 anni e 2 mesi di carcere. Entrambi sono stati espulsi dalla Svizzera per 10 anni, mentre solo la posizione dell’uomo, «che non ha nessuna relazione con l’Europa», sarà segnalata al sistema Schengen. Il procuratore pubblico Zaccaria Akbas aveva proposto condanne a 7 anni per lui e 7 anni e mezzo per lei. Gli avvocati difensori Luca Loser e Marina Gottardi si sono invece battuti per delle forti riduzioni delle condanne.

Modalità e ruoli definiti

A far scattare il controllo, il 15 aprile di quest’anno, è stato uno zainetto avvistato dalle Guardie. I controlli hanno permesso di identificare due ragazze – l’imputata e la sorella minorenne – e un uomo seduto in un altro scompartimento. I tre, ha ricordato Quadri leggendo la sentenza, hanno inizialmente negato di conoscersi. La polizia è risalita a loro grazie ai dati informatici a sua disposizione visto che il terzetto era stato intercettato nel mese di marzo su un altro treno in un’altra zona della Svizzera. «All’inizio c’è stata reticenza – ha aggiunto il giudice –. Con l’avanzare dell’inchiesta e l’emergere di elementi nuovi, negare l’evidenza è diventato sempre più difficile». La Corte si è chinata «sulle modalità di trasporto che hanno aggravato la situazione: c’erano comportamenti e ruoli che hanno caratterizzato la perpetrazione del reato. Come la presenza della sorellina minorenne, che ha trascorso 8 giorni in carcere in Ticino, per rendere più innocua l’apparenza in caso di controlli». Sapere chi era il capo «per la Corte non è un dettaglio fondamentale perché siete stati giudicati sul trasporto e non su chi ha preso decisioni». I due imputati erano già stati intercettati il 6 marzo, senza sostanze stupefacenti ma con 7’140 franchi in contanti. «Il procuratore pubblico ha effettuato delle ipotesi – ha ricordato Quadri –. La prima è che anche in questo caso ci sia stato un trasporto; la seconda è legata solo al denaro e quindi che il reato sia quello di riciclaggio». La Corte è arrivata alla conclusione che «quel giorno deve per forza essere stato fatto anche un trasporto, la cui quantificazione è indeterminata anche se la somma lascia pensare a un quantitativo non irrilevante: l’unica differenza con il 15 aprile, il giorno del fermo, è il luogo, mentre tutte le altre modalità sono identiche e sulle scarpe di entrambi sono state trovate tracce di cocaina». La donna è per contro stata prosciolta dall’accusa di aver effettuato altri due viaggi. «Il suo ruolo nell’organizzazione è comunque stato determinante – ha concluso Quadri rivolgendosi alla 21enne –. La Corte ha preso atto della sua depressione, ma nel contempo anche del fatto che il quantitativo di eroina era destinato a fare del male a una quantità immensa di persone».

Leggi anche:

Eroina sul treno, due ‘muli’ rischiano pesanti condanne

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
3 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
3 ore
Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps
L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
video
Bellinzonese
3 ore
Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’
Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
3 ore
A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’
Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Ticino
4 ore
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
5 ore
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
6 ore
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
7 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa
Mendrisiotto
10 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
© Regiopress, All rights reserved