laRegione
12.10.21 - 15:27
Aggiornamento: 17:49

Polo sportivo a Lugano, criticata la pubblicità favorevole

L’interrogazione dei Verdi chiede spiegazioni al Municipio in merito ad alcuni manifesti che invitano a votare Sì apparsi sul territorio comunale

polo-sportivo-a-lugano-criticata-la-pubblicita-favorevole
Campagna lanciata e partono anche le prime polemiche

“Il Municipio ha autorizzato la posa di cartelloni, striscioni e adesivi invitanti a votare Sì il 28 novembre in strutture pubbliche di proprietà della Città?”. È la prima domanda posta all’esecutivo cittadino dall’interrogazione presentata dai Verdi di Lugano relativa al Polo sportivo e degli eventi, sul quale la cittadinanza sarà chiamata a esprimersi verso la fine del prossimo mese. Intanto, la campagna è lanciata, ma ai Verdi è andata di traverso la comparsa di cartelloni o pubblicità luminose che invitano a votare sì al Pse in nome dello sport, perché “si lascia intendere, scorrettamente, che i sostenitori del referendum siano contrari allo sport”. Il Municipio non pare coinvolto nella pubblicità. Proprio su ‘laRegione’, il vicesindaco Roberto Badaracco, titolare del Dicastero della Cultura, sport ed eventi aveva assicurato che la Città non avrebbe partecipato finanziariamente. Eppure, sottolineano i Verdi, “la presenza di varie pubblicità a favore del Pse è stata notata in varie strutture del Comune. Per esempio sul recinto di questo parco giochi di Davesco, alla Resega, allo stadio di Cornaredo, ai campi di tennis del Campo Marzio, al campo sportivo di Castelvesco…”. Da qui sorgono le altre domande poste al Municipio: nel caso la risposta alla prima questione fosse positiva, come mai l’esecutivo si è sentito legittimato a concedere gli spazi pubblici per appendere manifesti o altro in favore del “Sì”? Non dovrebbe allora mettere a disposizione gli stessi spazi anche per la campagna a favore del “No”? Se invece il Municipio non avesse autorizzato la posa di quei materiali di propaganda favorevole: non andrebbero immediatamente rimossi, in armonia con le dichiarazioni di Badaracco?”.

Leggi anche:

Polo sportivo di Lugano, come ti finanzio la campagna

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 min
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
5 min
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
2 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
2 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
11 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
11 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
12 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
12 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
13 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
© Regiopress, All rights reserved