laRegione
10.10.21 - 16:46

Pompieri di Lugano verso l’Accademia per professionisti

Il progetto ai voti del Consiglio comunale cui sarà sottoposta una modifica del relativo Regolamento. Inaugurazione attesa per l’aprile 2022

di Guido Grilli
pompieri-di-lugano-verso-l-accademia-per-professionisti
TI-PRESS
Pronti all'intervento

I pompieri di Lugano saranno abilitati a formare professionisti. In una parola, per il Corpo civici pompieri di Lugano, guidato dal comandante Federico Sala, presto si farà strada la nascita di una vera e propria Accademia. Il progetto, illustrato la scorsa primavera in occasione del rapporto di attività 2020, approderà in Consiglio comunale. Già, perché affinché l’iniziativa possa realizzarsi - si tratta di una prima in Ticino e del terzo progetto a livello svizzero, dopo Zurigo e Ginevra - occorre l’approvazione di una revisione parziale del Regolamento del Corpo civici pompieri della città di Lugano che, in concreto, prevede una nuova norma del seguente tenore: “All’interno del Corpo civici pompieri è istituita l’Accademia per pompieri professionisti di lingua italiana. Il Municipio disciplina le modalità operative”.

La sede del centro formativo alla caserma di via Trevano

L’Accademia troverà sede nella caserma di via Trevano 127. Il certificato di accreditamento è stato ottenuto - non certo un passo scontato - dopo che il Corpo civici pompieri cittadino ha completato e superato tutti i criteri stabiliti dall’organizzazione del mondo del lavoro pompieri. Ci sono già i primi dieci aspiranti allievi della futura Accademia, che sarà diretta da Ramon Petsch. Il percorso formativo dura 18 mesi e, per l’iscrizione, occorre possedere un diploma triennale ed essere assunti quali aspiranti professionisti. Scopo dell’Accademia in loco e in proprio “è principalmente quello di preparare gli aspiranti pompieri professionisti all’esame professionale di pompiere professionista affinché, successivamente, possano conseguire il brevetto federale” - si evidenzia nel messaggio municipale. Il risparmio sarebbe anche economico: poter svolgere una formazione a Lugano si prospetta meno oneroso che nelle attuali due sedi di Zurigo e Ginevra, già solo per l’alloggio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
41 min
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
1 ora
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
1 ora
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
1 ora
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
1 ora
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
9 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
10 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
14 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
14 ore
Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
19 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
© Regiopress, All rights reserved