laRegione
07.10.21 - 17:44
Aggiornamento: 20:33

Badaracco vicesindaco di Lugano, Quadri: ‘Ricatto del Plr’

La (prevista) nomina di Roberto Badaracco riaccende lo scontro politico. Il sindaco Michele Foletti smorza: ‘I rapporti in Municipio non si rovineranno’

badaracco-vicesindaco-di-lugano-quadri-ricatto-del-plr

Una nomina frutto di «accordi e inciuci», nonché un «ricatto del Plr, che ha minacciato di non collaborare in Consiglio comunale se non avessero avuto questo riconoscimento». Tagliente come nel suo stile, Lorenzo Quadri stronca la decisione della maggioranza del Municipio di preferire alla sua la candidatura di Roberto Badaracco quale vicesindaco di Lugano. Il capodicastero Cultura, sport ed eventi è infatti stato sostenuto dalla collega di partito Karin Valenzano Rossi e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi (Ps) e Filippo Lombardi (Ppd), mentre il capodicastero Formazione, sostegno e socialità dal sindaco Michele Foletti (Lega) e da Tiziano Galeazzi (Udc). Una decisione che tuttavia era nell’aria, in quanto Foletti stesso settimane fa aveva prospettato a ‘Teleticino’ lo scenario infine concretizzatosi.

Visioni opposte fra Badaracco e Quadri

«Non sono sorpreso dall’esito della votazione – ha effettivamente ammesso Quadri –, rispecchia un film già visto: la maggioranza del Municipio (Plr, Ps e Ppd, ndr) non rispetta la volontà popolare», alludendo al fatto che i propri voti alle elezioni comunali fossero superiori a quelli di Badaracco. «In realtà la volontà della maggioranza è stata rispettata – sostiene Badaracco –: Plr, Ps e Ppd, che hanno sostenuto la mia candidatura, rappresentano effettivamente la maggioranza dell’elettorato». «Immaginare che questa votazione possa rappresentare un nuovo inizio mi risulta difficile – ha continuato il leghista nella sua reazione – e alle promesse del Plr di dimostrarsi più collaborativi non credo, visto che nella scorsa legislatura, pur avendo il vicesindaco del proprio partito, facevano campagna contro il Municipio a maggioranza leghista. Rispetto ad aprile nulla è cambiato nei rapporti di forza e sarebbe stato quindi corretto avere, come a inizio legislatura, sindaco e vicesindaco le due persone più votate». «Non c’è stato alcun ricatto – la replica del liberale-radicale –, mi sono limitato a riportare la posizione del mio gruppo e del mio partito, ossia che sarebbe stata una mancanza di sensibilità e un atto sbagliato non concedere il vicesindacato al secondo partito e che sarebbe stato un motivo di tensione. Invece sono contento perché ha prevalso un senso di responsabilità ed è una soddisfazione personale. È un gesto che fa capire a tutti che si vuole collaborare e quindi è da interpretarsi positivamente. Non è infine vero che non è cambiato nulla da aprile, è cambiato tanto: la riuscita del referendum sul Polo sportivo e degli eventi, la demolizione parziale dell’ex Macello, la morte di Borradori. È importante ora essere coesi».

Foletti: ‘Non l’ho vissuto come un ricatto’

Toni accesi quindi fra Badaracco e Quadri, sostenuti da due comunicati rispettivamente dalla sezione Plr di Lugano e da ‘LegaLugano’, smorzati però dal sindaco Michele Foletti. «Non l’ho vissuto come un ricatto, ma piuttosto come un avvertimento. La maggioranza si è espressa a favore di Roberto Badaracco e ora valuteremo nei prossimi mesi se questa scelta porterà a una distensione dei rapporti tra Municipio e Cc, molto tesi purtroppo nei primi mesi della legislatura. Bisognerà vedere come la prenderà la Lega, ma non credo che i rapporti interni all’esecutivo si rovineranno, anche perché siamo tutti coscienti di quanto lavoro ci sia da fare e di quanto sia importante mantenere una coesione. Spero possa essere un primo passo verso l’allentamento dei toni e delle tensioni, per affrontare nel modo adeguato le prossime sfide».

Lombardi non si è candidato

A titolo di cronaca, vale infine la pena sottolineare che le candidature per il vicesindacato sulle quali il Municipio si è oggi espresso sono state solo due. Quella, inizialmente paventata ma ufficialmente mai confermata, dell’ex consigliere agli Stati Filippo Lombardi non si è quindi concretizzata. «Filippo è una persona che stimo, che vanta esperienza e competenze riconosciute, ma le premesse politiche non erano date» ha brevemente spiegato Foletti, alludendo al fatto che la lista Ppd e Verdi liberali è la quarta forza politica in Municipio per consensi.

Leggi anche:

Badaracco vicesindaco di Lugano, ‘equilibri rispettati’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
16 min
‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’
Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
1 ora
Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’
‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Ticino
1 ora
Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’
Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
2 ore
A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola
Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Grigioni
5 ore
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
5 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
10 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
15 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
16 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’
Grigioni
23 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
© Regiopress, All rights reserved