laRegione
06.10.21 - 12:06
Aggiornamento: 15:40

Carona: 2’465 no alla privatizzazione della piscina

Consegnata in cancelleria a Lugano la petizione che chiede al Municipio di abbandonare il progetto da 7 milioni e ‘rilanciare la struttura per la collettività’

di Guido Grilli
carona-2-465-no-alla-privatizzazione-della-piscina
TI-PRESS
La consegna delle firme

No a un villaggio turistico a 5 stelle ‘Glamping’ rivolto principalmente al turismo d’Oltralpe. Sono ben 2’465 le firme raccolte in poche settimane e consegnate oggi in tarda mattinata a Palazzo civico, alla cancelleria di Lugano, dagli autori della ‘Petizione contro la privatizzazione della piscina di Carona’.

L’oggetto della discordia

Il tema della discordia riguarda il progetto per il quale la Città, “come unica alternativa alla chiusura della piscina“ - sostengono i petenti - intende investire 7 milioni di franchi, 6 dei quali a carico della cittadinanza. Questo uno degli argomenti posti in rilievo dai firmatari. Ma non solo: “Il partner privato - il Touring Club Svizzero - parteciperà con un solo milione all’investimento in cambio del diritto esclusivo di superficie (in pratica la proprietà) per i prossimi 40 anni”. Dal canto suo, la municipale Cristina Zanini, lo scorso agosto aveva tuttavia sottolineato che la proprietà rimarrà in mano alla Città, evidenziando che la struttura balneare “resterà aperta a tutti”. Per gli autori della petizione, c’è anche un tema legato al territorio che spinge a dire no al ‘Glamping’: “Il progetto prevede la costruzione di circa 35 bungalow che verranno inseriti nella zona più pregiata del comparto che, di fatto, non sarà più disponibile per gli utenti della piscina. La piscina, così come conosciuta finora, smetterà quindi di esistere”. La petizione chiede in conclusione di abbandonare il progetto e di rilanciare la grande struttura pubblica a favore della collettività. Non solo: “XCarona, promotrice della petizione, auspica che finalmente il Consiglio comunale approfondisca le numerose criticità di questo controverso progetto e sappia dare risposte più esaustive ai cittadini di Lugano in merito a: sostenibilità dell’investimento, opportunità del partenariato pubblico-privato, modifica del Piano regolatore e della destinazione d’uso, impatto ambientale, privazione di un servizio ai cittadini ecc...”. “La piscina di Carona è un prezioso servizio che non deve essere ceduto a privati bensì valorizzato e rilanciato a favore della collettività. L’unicità del luogo, le sue peculiarità e le sue potenzialità devono essere messe a disposizione dei cittadini e a favore del pubblico interesse”.

Tra i contrari diverse personalità

Tra i sostenitori della petizione, i promotori contano soddisfatti su alcune personalità di spicco: Sergio Rossi, professore di economia all’Università di Friborgo; Graziano Pestoni dell’Associazione per la difesa del servizio pubblico e Benedetto Antonini, per la Società ticinese per l’arte e la natura. Insomma, il tema sembra valer bene un dibattito che non mancherà di occupare l’agenda politica dei prossimi mesi.

Leggi anche:

Piscina di Carona, partita la petizione contro il glamping Tcs

Carona, 'la piscina resterà aperta a tutti'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
9 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
10 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
13 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
16 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
2 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
2 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved