laRegione
21.09.21 - 12:11
Aggiornamento: 17:49

Pregassona, l’accoltellamento in pieno giorno torna in aula

Processo in Appello il 25 ottobre. L’autore, condannato alle Criminali a 6 anni di carcere, respinge l’accusa di tentato omicidio intenzionale

pregassona-l-accoltellamento-in-pieno-giorno-torna-in-aula
TI-PRESS
La Corte di appello e revisione penale

Lo aveva colpito al collo, vicino alla carotide, con un coltellino apri pacchi. Ma ha sempre negato di volerlo uccidere. E, dopo che a febbraio è stato condannato a 6 anni di carcere e all’espulsione dalla Svizzera per 10 anni perché riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale, il prossimo 25 ottobre - data aggiornata dal tribunale - si presenterà davanti alla Corte di appello per contestare il verdetto. Protagonista, un 38enne cittadino iracheno che il 20 luglio 2020, in pieno giorno, ai posteggi del supermercato Aldi di Pregassona, ferì gravemente un suo connazionale per gelosia, poiché aveva frequentato sua moglie e i suoi figli, secondo la ricostruzione dei giudici della Corte delle assise criminali di Lugano.

La vittima, uno dei suoi migliori amici

La versione dell’imputato - aveva stabilito la Corte di primo grado - era stata ritenuta “menzognera” e “confusa”. In particolare il 38enne aveva sostenuto, in definitiva, di aver agito per legittima difesa, respingendo ogni trama di gelosia. Discordanti le versioni sulle fasi della colluttazione ingaggiata con quello che, prima del fatto di sangue, era uno dei suoi migliori amici, come aveva raccontato lui stesso in aula. Secondo il pp Roberto Ruggeri, che aveva proposto per l’imputato la stessa condanna, poi confermata dalla Corte, il 38enne iracheno aveva dato appuntamento al connazionale ai posteggi del supermercato di Pregassona con il preciso scopo di accoltellarlo. La Corte delle assise criminali (presidente, il giudice Amos Pagnamenta) ha concluso per il reato di tentato omicidio intenzionale per dolo eventuale. Di altro parere l’avvocato di difesa, Niccolò Giovanettina, che si era battuto per una pena massima di 12 mesi per lesioni semplici qualificate. Sul caso dovrà dunque esprimersi la Corte di appello, presieduta dalla giudice, Giovanna Roggero-Will.

Leggi anche:

'Menzognera la versione dell'accoltellatore': 6 anni

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
3 ore
San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola
Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni, ma sempre pendente al Tram il ricorso dell’ex sindaco. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss
Luganese
20 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
20 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
© Regiopress, All rights reserved