laRegione
un-nuovo-piano-per-il-centro-diurno-terapeutico-di-manno
Centro diurno terapeutico di Manno (Ti-Press)
19.09.21 - 17:06
Aggiornamento: 18:05
di Malva Cometta

Un nuovo piano per il Centro diurno terapeutico di Manno

Il 18 settembre è stato inaugurato l’ampliamento della struttura della Croce Rossa che applica il Metodo Montessori

Il Centro diurno terapeutico per anziani della Croce Rossa Svizzera di Manno può finalmente avviare un nuovo capitolo grazie all’ampliamento della propria struttura. A inaugurarlo sono stati Filippo Bolla, presidente della sezione Sottoceneri di Croce Rossa Svizzera, il direttore del Dipartimento della socialità e della sanità Raffaele De Rosa, Giorgio Rossi, sindaco di Manno, la direttrice di Croce Rossa Svizzera del Sottoceneri Josiane Ricci, la responsabile della struttura Daniela Saredo Parodi e Simona Mazzagatti, infermiera geriatrica e gerontologica.

Il nuovo centro fa parte di un progetto pilota a livello cantonale per la presa a carico degli utenti affetti da disturbi neurologici attraverso l’approccio Montessori. Il progetto vanta un potenziamento dell’offerta, in particolare quella sociosanitaria diurna per le persone affette da demenza, e l’aumento della capacità ricettiva, passando dagli attuali 30 utenti a 45.

L’adozione del metodo Montessori con le persone anziane equivale a una vera e propria filosofia delle cure. Come ha spiegato Daniela Saredo Parodi, responsabile della struttura, «grazie ad esso viene permesso agli utenti di eseguire compiti che sentono familiari attraverso attività che stimolano le loro funzioni cognitive, motorie, affettivo-relazionali, ecc. Inoltre, vengono offerte loro sicurezza, benessere e azioni terapeutiche tenendo sempre in considerazione la libertà e dignità di ognuno». Ciascun paziente viene quindi trattato come un essere unico e speciale riconoscendone le diverse origini, interessi e capacità attraverso risposte personalizzate. Per riuscire in tutto questo, «ci soffermiamo a osservare le risorse residue dell’anziano e non i suoi limiti». Il nuovo piano ha proprio lo scopo di ottimizzare l’autonomia residua, garantendo il più possibile il mantenimento a domicilio degli anziani e promuovendo cure sempre meno farmacologiche.

Spazio ricreativo e supporto per le famiglie

«Il Centro diurno è nato come spazio ricreativo in cui il benessere dell’utente e il supporto ai famigliari curanti erano prioritari» ha evidenziato la direttrice Josiane Ricci, «nel 2012 siamo passati a Centro diurno terapeutico e inizialmente la sede era situata a Lugano. Con l’espandersi delle richieste di sostegno avevamo bisogno di più spazio, e così nel 2018 ci siamo trasferiti a Manno». Per motivi legati al Covid-19, il piano soprastante si è liberato e questo ha permesso l’ampliamento della struttura e la possibilità quindi di offrire più posti per gli utenti. Come ha affermato il consigliere di Stato De Rosa «l’ambiente e lo spazio sono essi stessi elementi molto importanti delle cure e partecipano al percorso terapeutico offrendo una migliore qualità di vita per tutti».

Le novità principali di questo ampliamento sono una stanza sensoriale in cui possono essere evocati i ricordi, infondendo calma e riposo, e suscitando curiosità e un momento di condivisione; una cucina ad uso degli utenti per stimolarne la memoria richiamandoli a piccoli gesti quotidiani; una sala pranzo in cui vengono svolte anche attività creative; una sala riposo; un locale in cui vengono praticate musicoterapia o attività motorie; un balcone con fiori e piante da annaffiare e infine una stanza “vintage” in cui vi sono raccolti numerosi oggetti del passato degli utenti come una vecchia macchina da cucire o una sedia a dondolo. Un’ulteriore tipologia di cura che viene offerta agli anziani è quella del “Pet Therapy”. Per il benessere degli utenti vengono organizzate anche gite all’esterno dell’edificio come al lido e in musei e «gli anziani si mostrano sempre molto entusiasti delle attività proposte al di fuori della sede» ha aggiunto la direttrice. Gli orari dell’istituto si suddividono in due turni dal lunedì al venerdì: il primo dalle 8.30 alle 14, il secondo dalle 14.30 alle 19.30.

Inclusione e solidarietà

La pianificazione integrata 2021-2030 insiste sull’utilità dei centri diurni per persone anziane e, come ha rimarcato De Rosa, «in questo nuovo approccio della pianificazione abbiamo voluto rafforzare molti valori: è volta a espandere la rete di cure integrate, puntare al mantenimento a domicilio degli anziani secondo i valori della libertà di scelta e dell’autodeterminazione e garantire il principio dell’inclusione e della solidarietà. Avere centri come quello di Manno diffusi sul territorio è fondamentale per permettere agli anziani di preservare le proprie risorse e anche per dare un sostegno ai famigliari curanti».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro diurno terapeutico croce rossa manno montessori
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
43 min
Mendrisiotto, turismo ‘green’ lungo i parchi insubrici
’Insubriparks’ è una nuova piattaforma che porta alla scoperta di cinque bellezze naturalistiche tra Svizzera e Italia
Locarnese
43 min
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
Ticino
44 min
Il mercato dell’auto resta ammaccato
Si sperava di risolvere i problemi di fornitura entro il primo semestre di quest’anno: niente da fare. E anche l’usato scarseggia
Luganese
7 ore
Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti
I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
9 ore
Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’
La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
9 ore
Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne
In pericolo di vita il giovane. È accaduto stamane in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Bellinzonese
13 ore
PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona
La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
13 ore
L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’
Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Luganese
14 ore
Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo
Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
19 ore
Centovalli, pompieri ancora al lavoro
Un fulmine sabato sera ha innescato un rogo boschivo sopra il Monte Sauree. Militi ed elicottero in azione. In corso la bonifica
© Regiopress, All rights reserved