laRegione
15.09.21 - 17:06
Aggiornamento: 21.12.21 - 10:32

L’aeroporto di Lugano ‘naviga in cifre nere’

Filippo Lombardi, titolare del dicastero: ‘Lo scalo non grava sui conti della Città’. Intanto, il Consiglio di Stato respinge tutti i ricorsi pendenti

l-aeroporto-di-lugano-naviga-in-cifre-nere
Il garbuglio sull'aeroporto pare si sia sciolto (Ti-Press)

Esprime fiducia e ritiene che occorra prendersi il tempo di riflettere a fondo su quale sia la strada migliore per il futuro dell’aeroporto di Lugano-Agno. Queste le parole del titolare del Dicastero cittadino Filippo Lombardi che anticipa a ‘laRegione’ una primizia: «La gestione pubblica dello scalo, per il momento, non sta gravando sui conti della Città e anzi finora registriamo conti in attivo. Da quando il Municipio ha ripreso la conduzione della struttura, sono stati contenuti i costi, l’aviazione generale sta andando bene e, a contribuire alla riduzione delle spese, c’è stata pure la sospensione dei voli di linea (anche se la loro riattivazione resta un obiettivo)». Per questa ragione, «occorrerà valutare bene i prossimi passi da intraprendere», osserva il municipale alla luce dei cinque ricorsi respinti dal Consiglio di Stato, notizia anticipata da tio.ch che ha riferito l’esito di tutte le contestazioni pendenti da mesi. Lombardi auspica che i due gruppi Northern Lights e Team Lug (nel frattempo divenuti alleati), patrocinati dall’avvocato Tuto Rossi, non presentino un altro ricorso al Tribunale amministrativo cantonale (Tram).

‘Il garbuglio pare si stia sciogliendo’

Entrambi i gruppi hanno contestato la possibilità concessa dal Municipio di aggiornare i progetti presentati lo scorso autunno e le modalità di comunicazione in merito al nuovo gruppo di esperti che dovrà valutare nuovamente le proposte. Il Consiglio di Stato ha ritenuto irricevibili entrambi i ricorsi, siccome non avevano ragione di contestare la decisione municipale dello scorso maggio quando la Città aveva risolto di annullare la risoluzione con la quale intendeva chiedere al Consiglio comunale di poter intavolare trattative per la gestione privata di Lugano Airport con il Gruppo Amici dell’aeroporto e la cordata Crameri, Marending, Malgorani e Artioli. «Il garbuglio pare si stia sciogliendo, visto che gli altri tre ricorsi pendenti contro la decisione municipale presa in gennaio sono stati ritenuti decaduti dal governo cantonale, dopo che in maggio l’esecutivo l’aveva ritirata – dichiara Lombardi –. Intanto, ci siamo portati avanti su due dossier». Quali? «Assieme all’Ufficio federale dell’aviazione civile (Ufac) abbiamo riattivato la procedura di revisione della scheda di coordinamento del piano settoriale dell’infrastruttura aeronautica (Psia) per l’aeroporto di Lugano-Agno – risponde il capo dicastero aeroporto –. In collaborazione con l’autorità cantonale, per fare posto al tracciato della futura strada di circonvallazione Agno-Bioggio che corre lungo il fiume Vedeggio, stiamo inoltre studiando un’alternativa allo spostamento delle strutture per l’avvicinamento strumentale alla pista, con il nuovo sistema di avvicinamento satellitare».

Tre contestazioni decadute, due irricevibili

Ma torniamo ai cinque ricorsi. Il fatto che siano stati respinti non significa necessariamente che si è finalmente sbloccata la procedura di attribuzione ai privati della gestione dell’aeroporto di Lugano-Agno avviata dal Municipio cittadino oltre un anno fa. Occorre attendere che crescano in giudicato le sentenze del Consiglio di Stato che ha dichiarato irricevibili i ricorsi inoltrati da “Northern Lights“ (condotta dagli imprenditori Damian Hefti e Andrea Burkhardt) e “Team Lug” (con alla testa l’avvocato Nicola Brivio con la socia di cordata Raffaella Meledandri), due dei sei concorrenti che parteciparono alla "Call for expression of interest” che nel frattempo si sono alleati. Anche le altre tre contestazioni, due delle quali sempre inoltrate dalle due cordate appena citate, non sono state accolte dal governo cantonale. Entrambe, prima di allearsi, avevano contestato, con un ricorso al Consiglio di Stato, l’esclusione da parte dell’autorità politica cittadina, che lo scorso 28 gennaio aveva ripescato il progetto del gruppo guidato da Artioli e Marending e le modalità di comunicazione della Città.

La ripartenza dall’apertura delle buste

La decisione della Città, lo ricordiamo, aveva fatto parecchio discutere, siccome si era discostata in parte dalla scelta del Gruppo di lavoro incaricato di giudicare i dossier presentati, che aveva indicato al Municipio di preferire unicamente il progetto presentato dagli “Amici dell’aeroporto”. Ma l’esecutivo aveva incluso anche la cordata legata all’imprenditore Stefano Artioli, salvo poi fare marcia indietro proponendo ai concorrenti di azzerare buona parte della procedura fin lì adottata. Come si ricorderà, la Città decise di ripartire quasi da zero, o meglio, dall’apertura delle buste contenenti i progetti giunti per il concorso, dopo le polemiche, i ricorsi e forse la presa di coscienza che alcune procedure non si sono svolte come avrebbero dovuto.

Leggi anche:

Aeroporto di Lugano, annullata la scelta delle due cordate

Lugano, la linea per l'aeroporto è tracciata

Aeroporto, la cordata Artioli metterebbe oltre 40 milioni

Gli 'Amici dell'aeroporto' mettono sul piatto due voli di linea

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
8 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
9 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
9 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
10 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
10 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
14 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
16 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
16 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
17 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
© Regiopress, All rights reserved