laRegione
tessuti-sottobanco-e-un-tesoro-notturno-condannato
Dai tessuti al denaro (Ti-Press)
Luganese
15.09.21 - 12:080
Aggiornamento : 17:30

Tessuti sottobanco e un tesoro ‘notturno’: condannato

Dodici mesi sospesi per un 48enne, intermediario di un’azienda comasca, accusato di aver versato in Svizzera oltre 260mila franchi

Una cifra considerevole, oltre 260mila franchi, frutto della merce che sottraeva, indebitamente, dall’azienda lariana dove occupava il ruolo di intermediario commerciale. È stato condannato dalle Assise correzionali, per il reato di riciclaggio ripetuto di denaro, un 48enne italiano, residente a Lugano, che, fra il gennaio 2014 e il marzo 2016, ha trasportato dall’Italia in Ticino i contanti che aveva ricavato nel rivendere il materiale tessile di cui si era appropriato. Curioso il ‘modus operandi’: per non specificare all’istituto bancario la provenienza del denaro, aveva pensato di versarlo alle casse automatiche delle filiali di Lugano, Paradiso, Chiasso e Zurigo, con una certa regolarità e per la precisione in ben 76 occasioni. Cifre che variavano da poche centinaia di franchi a svariate migliaia. Con lui avevano agito due correi, un uomo e una donna, già condannati fra il novembre 2019 e il marzo 2020 dal Tribunale di Como.

Secondo la procuratrice pubblica Francesca Piffaretti-Lanz, che aveva chiesto la conferma integrale dell’atto d’accusa e una pena di 14 mesi (sospesa), l’imputato «nato e cresciuto nell’azienda, conosceva bene la clientela italiana e i processi interni, anche informatici, ciò che ha agevolato i crimini. Dal 2012, venuto ad abitare in Svizzera, poteva inoltre contare sui ‘freschi freschi’ conti bancari, su cui versava il maltolto per mezzo del tesoro notturno». Il ‘Metodo Bianchi’, come emerge nell’inchiesta italiana, «comportava – è stato illustrato nella requisitoria – la vendita sottobanco di tessili, ad almeno tre clienti, per ricavarne un illecito guadagno. La versione dell’imputato, dunque, non regge. Inoltre, su questi conti non ci sono accrediti della sua attività professionale lecita tramite la sua ditta individuale. Tutto è quindi provento di reato, soprattutto facendo riferimento all’elemento principe, ovvero il trasferimento in contante transfrontaliero».

Diretta e perentoria la difesa, sostenuta dall’avvocato Ramella Matta Nassif Khouloud nel richiedere la piena assoluzione: «È un atto d’accusa frutto di sole congetture, siamo di fronte a un castello accusatorio debole. Se fosse stato provento di reato non avrebbe dovuto rendere tracciabile né tangibile quel denaro, come diversamente ha fatto. Emerge in modo incontrovertibile che quel denaro è stato utilizzato per far fronte a spese correnti e non al fine di occultarne l’origine. La generalità e l’indeterminatezza delle accuse per riciclaggio sono evidenti. Vi è assenza dei presupposti oggettivi e soggettivi, nulla agli atti porta alla colpevolezza del mio assistito».

Il giudice Marco Villa non ha però accolto questa tesi e ha condannato l’imprenditore indipendente nel ramo tessile, come si è definito nel dibattimento, a 12 mesi sospesi per un periodo di prova di due anni. Un atto d’accusa dettagliato, lo ha giudicato la Corte, seppur – è stato evidenziato – «non vi sia la prova certosina che ogni versamento sia provento del reato contestato». Per questo è stato confermato il riciclaggio, in «un agire ripetuto e cronico», ma la pena è stata leggermente riveduta rispetto alle richieste dell’accusa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘Salario minimo, Ccl e storture: tocca a noi dare la risposta’
Nella discussione generale in Gran Consiglio emerge un asse Ps-Lega. Fonio e Jelmini (Ppd) sulle barricate. Speziali (Plr): ‘Ombre, ma ci sono tante luci’
Bellinzonese
4 ore
Enti autonomi Bellinzona: qualche ombra, tanti ‘sì’
Votati i consuntivi 2020. Il gruppo Lega/Udc sollecita più trasparenza e intraprendenza per Musei e Teatro. Nuova illuminazione per i castelli
Bellinzonese
6 ore
Anche il Plr voterà 250’000 franchi per la nuova Valascia
Bellinzona: i liberali-radicali aderiscono alla proposta Ppd di dimezzare il mezzo milione ora sostenuto solo dalla Sinistra. Verdi/Mps/Fa contrari
Ticino
7 ore
Centrale comune d’allarme: gli inquilini ora ci sono tutti
Dallo scorso aprile alla Cecal vengono gestite anche le chiamate al 144. ‘Oggi è un centro di competenze per gli enti di primo intervento, un unicum in Svizzera’
Luganese
7 ore
Rarità allo Zoo di Neggio: nati tre cuccioli di nasua albini
I piccoli sono nati lo scorso 31 maggio. La cucciolata è composta da cinque esemplari: tre albini come il papà e due no, come la mamma
Bellinzonese
8 ore
Caso targhe, Gobbi su Orlandi: ‘Era stato assunto regolarmente’
Il consigliere di Stato risponde infastidito all’Mps assicurando che il funzionario ‘non aveva con me alcun legame e non era mio corregionale’
Bellinzonese
8 ore
Vandalizzata la filiale Ubs di Bellinzona
Danneggiati tre vetri della sede di Largo Elvezia. La polizia ha nel frattempo individuato il giovane autore
Bellinzonese
9 ore
Luce verde ai 43,42 milioni per il nuovo Pretorio di Bellinzona
Il Gran Consiglio ha approvato con 74 sì, zero no e 4 astenuti la richiesta di credito per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’edificio in via Franscini
Locarnese
9 ore
‘Alla Palma fu assassinio’. L’accusa chiede 19 anni e mezzo
Giallo di Muralto, la richiesta di pena per il 32enne imputato giunge dalla procuratrice Canonica Alexakis dopo oltre 5 ore di requisitoria
Lugano
9 ore
Vicesindaco, Lombardi: ‘Sul tavolo ci sono sei nomi’
L’esponente popolardemocratico e capo del Dicastero dello sviluppo territoriale a Lugano parla per il vice di Michele Foletti di una soluzione ‘consensuale’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile