laRegione
Salernitana
0
Atalanta
1
2. tempo
(0-0)
Zugo
2
Friborgo
1
fine
(1-1 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
Lakers
5
Losanna
1
fine
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
fine
(1-1 : 1-2 : 1-2)
Ajoie
4
Ambrì
0
3. tempo
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Langnau
2
Zurigo
6
3. tempo
(0-1 : 1-4 : 1-1)
lugano-presidio-degli-autogestiti-contro-lo-stato-di-polizia
‘Tutto a Norman di legge’ (foto Ti-Press)
Luganese
03.09.21 - 17:430
Aggiornamento : 18:55

Lugano, presidio degli autogestiti contro lo stato di polizia

Le circa sessanta persone hanno espresso il loro dissenso rispetto ai metodi d'indagine dopo le manifestazioni dello scorso maggio

Una sessantina di persone ha dato vita al presidio rumoroso contro la repressione convocato oggi pomeriggio dagli autogestiti in via Bossi, a Lugano. Più che davanti alla sede della Polizia, la manifestazione si è svolta all’angolo tra via Pretorio e via Bossi, dove sono stati affissi tre striscioni: ‘Chi lotta non è mai solo’; ‘Indagini contro l’autogestione? Tutto a Norman di legge’; ‘Sgomberate i nostri sogni, occupiamo i vostri incubi’. Durante le dimostrazioni sono stati fatti i nomi del direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi e del capo area della Gendarmeria della Polizia cantonale Marco Zambetti.

Prima di dare vita alla protesta sonora – con coperchi, fischietti, una sirena e diversi slogan – è stato letto il comunicato già inviato ieri alle redazioni. Nello stesso gli autogestiti hanno spiegato che “numerose persone (più di una trentina, tra le quali anche alcune minorenni) sono state convocate in polizia a seguito della manifestazione in stazione, dell’occupazione dell’ex Vanoni e di una manifestazione del giorno successivo”.

“Contro Stato, sbirri e ispettori noi non parleremo agli interrogatori” è stata la risposta arrivata con uno slogan. “Solidarietà con tutte le persone denunciate e sotto osservazione”, è stato ribadito.

‘Ci sottraiamo dal triste schema di messa alla gogna’

Il ‘presidio rumoroso’ è stato convocato in seguito alle operazioni di polizia e alle indagini sulle manifestazioni di fine maggio e sull'occupazione dell'ex Vanoni. Dal punto di vista degli autogestiti, si legge nel comunicato, l'operazione di sgombero “con forze congiunte di altri cantoni, poteva solo provenire da chi le ruspe le aveva evocate a più riprese nei propri discorsi e nei propri referenti ideologici”. Nel comunicato si legge che nelle ultime settimane la polizia cantonale “sta convocando, in qualità di imputate, numerose persone (più di una trentina, tra le quali anche alcune minorenni). Le modalità stesse di queste indagini rivelano la natura dello stato poliziesco che il feldmaresciallo (Norman Gobbi; ndr) continua a imporre a questo territorio”.

Gli autori nel testo denunciano un “triste schema fatto d'inchieste intimidatorie, licenziamenti, controlli e messa alla gogna”.

Dopo un'ora, i manifestanti si sono avviati in corteo lungo le vie cittadine, causando qualche disagio al traffico, fino all'ex Molino. Il tutto si è svolto nella calma e sotto l'occhio vigile della Polizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘Imponimento’, chieste condanne per 630 anni complessivi
La proposta è stata avanzata dal procuratore aggiunto e dai due sostituti della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro
Luganese
7 ore
Party illegale al Parco Saroli: interviene la polizia
Oltre un centinaio di giovani si è riunito stanotte per fare festa. Secondo uno di loro, gli agenti avrebbero fatto uso di pallottole di gomma e spray al pepe
Ticino
9 ore
Eitan e il nonno controllati a Lugano? La polizia nega
Shmuel Peleg e il nipote, accompagnati da un misterioso autista, non sarebbero stati fermati prima di giungere all’aeroporto
Locarnese
16 ore
Cannabis, ‘la Svizzera guarda avanti ma il Ticino è fermo’
Il punto con Sergio Regazzoni, coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa. Intanto a Cugnasco-Gerra arrivano 206 firme ‘anti-puzza’ da coltivazione outdoor
Mendrisiotto
16 ore
Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani
Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria
Luganese
16 ore
Piscina di Savosa, scatti sott’acqua a caccia della luce
Quattro ballerine, una macchina fotografica e, sullo sfondo, luoghi della cultura: sono gli ingredienti di ’Fluttuazioni Divine’ di Franco Taranto
Ticino
1 gior
La destinazione Ticino è piaciuta anche con la pandemia
Uno studio dell’Università di San Gallo ha fatto emergere il valore turistico del territorio. Attività all’aperto e aree verdi, gli atout su cui puntare
Mendrisiotto
1 gior
Masseria di Vigino, il Cantone assicura la tutela del bene
L’interesse c’è. E anche la disponibilità a cedere il complesso a potenziali promotori (con tanto di sussidi). Purché il progetto sia rispettoso
Luganese
1 gior
Lugano, un pic-nic per sensibilizzare contro il Covid Pass
Si è svolta nella calma l’azione spontanea di protesta in centro città contro le discriminanti disposizioni decise dal Consiglio federale.
Bellinzonese
1 gior
Lumino, il prezzo del nubifragio ammonta a oltre un milione
Il Municipio chiede due crediti per coprire gli interventi già sostenuti e preventivati. Con i sussidi cantonali, l’onere netto per il Comune sarà di 360mila franchi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile