laRegione
laR
 
02.09.21 - 05:10
Aggiornamento: 09:15

La statua di Alfonsina Storni? ‘Adatta al nucleo di Sala’

Il Consiglio di Stato ha respinto il rincorso presentato contro la posa del manufatto che rappresenta il suicidio della celebre poetessa

la-statua-di-alfonsina-storni-adatta-al-nucleo-di-sala
La poetessa (al centro), la statua (sinistra) e il luogo contestato (destra)

“Non si vede invero quale altro luogo del comprensorio comunale meglio si presti alla commemorazione di tale illustre personaggio”. Per il Consiglio di Stato (Cds) non ci sono dubbi: il luogo scelto dal Municipio di Capriasca per posare la statua di Alfonsina Storni è adatto. Non un posto a caso, d'altra parte: la piazza che porta il nome della celebre poetessa argentina di origine ticinese nel nucleo di Sala Capriasca. Il governo ha infatti respinto il ricorso presentato lo scorso febbraio da un gruppo di cittadini del quartiere, che ha impugnato la licenza edilizia rilasciata dall'esecutivo comunale.

Alfonsina Storni si suicidò nel 1938

La questione ha fatto parecchio discutere lo scorso inverno nella Pieve. Al centro, lei: una statua – alta due metri in totale e con un ingombro di 95x45 centimetri – realizzata in bronzo dall'artista Eva Antonini, denominata ‘Vestida de mar’ e rappresentante il suicidio della poetessa. Storni si è tolta la vita a Mar del Plata nel 1938 e il suo gesto estremo è stato reso immortale nel 1969 dalla canzone ‘Alfonsina y el Mar’, interpretata da uno stuolo di cantanti latinoamericani ed europei. E fra le varie censure degli opponenti, vi è proprio la scelta di immortalare l'atto finale della vita della poetessa. Sono state sollevate inoltre diverse altre questioni di natura più che altro edilizia e in parte procedurale. Oltre a ricorrere, gli scontenti hanno organizzato anche una raccolta firme: la petizione è stata sottoscritta da ottantacinque cittadini e chiedeva sostanzialmente al Municipio di tornare sui propri passi.

Bocciate le censure formali

Adesso, con sentenza del 25 agosto, a dar ragione all'autorità comunale ci pensa il Consiglio di Stato. Dal profilo formale, si sottolinea che la copia della domanda di costruzione – che i ricorrenti ritenevano invalida in quanto non sarebbe stata sottoscritta dal Municipio ma solo dall'ufficio tecnico – è stata “regolarmente siglata da sindaco e segretario comunale”. Allo stesso modo è ritenuta sufficiente, sebbene stringata, la motivazione data in fase preliminare dall'Ufficio della natura e del paesaggio (Unp) del Dipartimento del territorio. E sarebbe altrettanto “esente da critica” il fatto che il Municipio abbia deciso di posare la statua in un secondo momento rispetto al progetto globale di riqualifica del suddetto nucleo, passato precedentemente in Consiglio comunale. Il Cds sottolinea che la statua è da considerarsi come arredo di una strada, e in quanto tale la procedura da seguire sarebbe dovuta essere quella per un progetto stradale e, pertanto, il legislativo avrebbe dovuto preventivamente determinarsi. Tuttavia, la giurisprudenza ha stabilito che le procedure stradale ed edilizia “sono sostanzialmente assimilabili” e se un'opera è stata approvata in base all'una o all'altra, “non vi sono motivi validi per ripetere l'intero procedimento”.

L'inserimento è giudicato adeguato

Respinte anche le questioni legate all'inserimento del manufatto. Da un lato la sentenza evidenzia che “la clausola estetica non deve assumere la funzione di una zona di pianificazione ed essere usata per mettere fuori gioco le prescrizioni edilizie vigenti o salvaguardare la pianificazione futura”, mentre dall'altro ricorda che sia il Municipio sia l'Unp hanno ritenuto adempiuto il principio dell'inserimento ordinato e armonioso. Non accolta neppure la censura inerente la vicinanza dei beni culturali protetti: Casa Lepori, l'unico bene di interesse cantonale nelle vicinanze, è al di fuori del perimetro di rispetto, mentre quest'ultimo “non sussiste per i beni di interesse locale”. “Non ha una portata diretta” nemmeno il fatto che il villaggio di Sala sia censito dall'Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere Isos. L'ubicazione della statua, infine, secondo il Cds appare “consona all'arredo già esistente”: “Per aspetto, materiali e dimensioni, il monumento in parola non solo appare insuscettibile di creare alcun contrasto con l'edificato esistente ma risulta altresì inserirsi convenientemente ed ordinatamente nel contesto del nucleo”.

I cittadini si esprimeranno tramite sondaggio

Una vittoria piena per il Municipio di Capriasca, quindi. «Sono contento perché le nostre tesi sono state confermate», ci dice il sindaco Andrea Pellegrinelli. Possibili ricorsi al Tribunale amministrativo cantonale a parte, la vicenda della tormentata statuta non si esaurisce qui però. «Siccome sul progetto non c'è unanimità all'interno del nuovo Municipio e non c'è da parte nostra la volontà di imporre la statua se i residenti del quartiere non la vogliono, intendiamo organizzare un sondaggio fra i residenti di Sala per capire cosa vuole la maggioranza. Non si vuole fare una guerra di religione per una statua. Ci vogliono buon senso e rispetto della cittadinanza. Sarebbe un peccato non metterla lì, ma bisogna rispettare le sensibilità. Un altro posto lo troveremo». E a un luogo alternativo avevano già pensato anche i ricorrenti, secondo i quali il luogo migliore per ospitare l'omaggio alla poetessa sarebbe vicino all'ex casa comunale.

Leggi anche:

Capriasca, il Municipio svela la statua di Alfonsina Storni

Il suicidio di Alfonsina Storni finisce al Consiglio di Stato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
21 min
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
55 min
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’Esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
56 min
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
1 ora
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
6 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
7 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
9 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
10 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
13 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
13 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
© Regiopress, All rights reserved