laRegione
01.09.21 - 17:59
Aggiornamento: 19:04

'Tre su 10 escono dall'Espocentro di Lugano tatuati'

Torna la tre giorni di Ti-Tattoo da venerdì a domenica. L'organizzatrice, Katia Cavallini, illustra la 22esima edizione

tre-su-10-escono-dall-espocentro-di-lugano-tatuati
TI-PRESS
Intramontabile passione

«Scelgono il loro tatuatore. Un buon 30% di coloro che vengono al Centro esposizioni di Lugano esce tatuato. E molti altri prendono appuntamento e lo eseguono più avanti». La passione per i tatuaggi non accenna a tramontare. Parola di Katia Cavallini, organizzatrice da sempre di Ti-Tattoo Convention, quest'anno alla sua 22esima edizione, in programma venerdì 3 settembre (dalle 15 alle 24), sabato (dalle 10 alle 24) e domenica (dalle 10 alle 21). «Ci aspettiamo una grossa affluenza: nei social abbiamo registrato quattro volte i numeri degli anni scorsi, 14mila in Facebook e 8mila in Instagram» - prosegue la nostra interlocutrice, intenta negli ultimi preparativi prima dell'inaugurazione.

Ottanta espositori e spettacoli

Ti-Tattoo torna al pubblico dopo il turno saltato lo scorso anno a causa del Covid. «Per questa stessa ragione le dimensioni della mostra, quest'anno, si riducono un po'. Non ci saranno gli espositori inglesi, francesi, tedeschi, americani e asiatici. Avremo, invece, alcuni spagnoli ma altrimenti gli stand saranno soprattutto allestiti da tatuatori svizzeri e italiani. Complessivamente saranno 80 gli espositori» - fa sapere la promotrice dell'evento, presente sin dalla sua prima edizione svoltasi alla Reseghina di Lugano nel 1999. Prosegue Katia Cavallini: «Come sempre ci saranno gli 'special guest', spettacoli e curiosità». Per l'ingresso (il prezzo è rimasto immutato a 15 franchi) non occorrerà esibire nessun certificato Covid. «Abbiamo un piano sanitario accettato dal Cantone. Possiamo ospitare fino a un massimo di mille persone, garantendo il giusto distanziamento. Il flusso sarà regolato da un contatore manuale». Piatto forte dell'esposizione, le più diverse tecniche d'incisione della pelle, gli innumerevoli motivi decorativi. Diversi spazi saranno inoltre riservati al piercing. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
26 min
Bertoli sull’arresto del direttore: ’Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
1 ora
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17.
video
Locarnese
2 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti.
Luganese
2 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
4 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
6 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
6 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
8 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
8 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
17 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved