laRegione
24.08.21 - 16:48
Aggiornamento: 17:03

Monteggio, rapina al portavalori: pene ridotte in Appello

Leggeri sconti di pena per due dei tre condannati autori del colpo avvenuto nel 2019, dopo che durante il dibattimento a giugno hanno confessato

monteggio-rapina-al-portavalori-pene-ridotte-in-appello
Il tribunale di Locarno (Ti-Press)

Pene leggermente ridotte in Appello per due dei tre autori della rapina al portavalori di Molinazzo di Monteggio. Rispetto alla sentenza di primo grado dello scorso anno, il 41enne ha avuto uno sconto di pena di sei mesi, mentre il 64enne di cinque mesi. Pena confermata integralmente invece per il 47enne. Leggere riduzioni in virtù del fatto che entrambi hanno confessato la propria partecipazione al colpo durante il dibattimento svoltosi a giugno e soprattutto perché sono stati pronunciati dei proscioglimenti per reati di minor gravità.

Rubati oltre 3 milioni di franchi

La rapina, ricordiamo, è andata a segno nel luglio del 2019: i tre hanno assalito con successo un portavalori che aveva appena ritirato dalla filiale malcantonese della Banca Raiffeisen oltre 3 milioni di franchi e 200'000 euro, scappando poi attraverso il valico di Ponte Cremenaga. Minacciato da una pistola, l'autista del furgone è stato legato e rinchiuso nel mezzo e ha fornito ai delinquenti le informazioni necessarie per aprire le cassette contenenti il denaro. Tuttavia, i malviventi sono stati colti in flagrante dai carabinieri. Sorpresi, i rapinatori si sono dati alla fuga, lasciando nei boschi di Arcisate (provincia di Varese) il veicolo, con il conducente all'interno e ancora diverse cassette di denaro.

La fuga, la latitanza, gli arresti

Da lì è partita una caccia all'uomo, che ha portato agli arresti di diverse persone. Il 47enne è stato fermato a Chiasso lo stesso anno, mentre il 64enne a febbraio dell'anno dopo in Polonia, su mandato di cattura internazionale spiccato dal Ministero pubblico ticinese, mentre il 41enne si era costituito. In totale, sono sei le persone coinvolte nel colpo, ma tre di queste risultano ancora latitanti. Dinanzi alla Corte delle Assise criminali presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti, solo il 47enne siciliano domiciliato in Lazio difeso dall'avvocato Yasar Ravi si è assunto le proprie responsabilità, mentre gli altri due imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Versioni a confronto

Durante il dibattimento si è discusso molto dell'arma utilizzata per spaventare il portavalori: autentica per quest'ultimo e per la procuratrice pubblica Marisa Alfier, giocattolo secondo gli imputati. E poi, mistero su gran parte dei soldi. Gli indagati si sono difesi sostenendo che sia scattato il sistema di sicurezza caratterizzato da uno spruzzo d'inchiostro ‘antifurto’ che ne avrebbe reso inutilizzabile la gran parte. Una tesi alla quale l'accusa non ha creduto. In primo grado la Corte ha condannato quindi il 47enne a quattro anni e cinque mesi di carcere, il 41enne a quattro anni e sette mesi e il 64enne a quattro anni e otto mesi. Tutti e tre, con precedenti anche pesanti alle spalle in Italia, sono stati inoltre condannati all'espulsione dalla Svizzera per dodici anni. L'accusa aveva chiesto pene fino a cinque anni, mentre le difese 

Confessione a sorpresa in Appello

In Appello c'è stato il colpo di scena: il 41enne e il 64enne, anch'essi italiani – rispettivamente un lombardo e un pugliese residente in Lombardia difesi da Maria Galliani e Mattia Bordignon –, hanno confessato la propria partecipazione al colpo. La Corte di appello e revisione penale (Carp) di Locarno presieduta da Angelo Olgiati (Manuela Frequin Taminelli e Matteo Galante giudici a latere) ha condannato il primo a quattro anni e un mese e il secondo a quattro anni e tre mesi. La pena più elevata è rimasta quella del 47enne, che ha anche avuto un ruolo più centrale. I tre sono stati così condannati per rapina aggravata e sequestro di persona e rapimento. Non è invece stato accolto il ricorso della pp contro il proscioglimento del 47enne dal reato di atti preparatori: la Corte, così come quella in primo grado, ha ritenuto che non ci fossero elementi sufficienti per accoglierlo.

Leggi anche:

Assalto a un portavalori a Molinazzo di Monteggio

Rapina di Monteggio, in Appello arriva la confessione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
15 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
17 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
17 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
18 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
21 ore
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
23 ore
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
© Regiopress, All rights reserved