laRegione
laR
 
16.08.21 - 17:23
Aggiornamento: 19:06

Due annegamenti alla Foce, 'Inaccettabile per Lugano'

Mozione Ps ora al vaglio delle Petizioni chiede un piano d'informazione e prevenzione. Aurelio Sargenti: 'specie per gli stranieri ignari dei pericoli'

due-annegamenti-alla-foce-inaccettabile-per-lugano
Rescue Media
Le ricerche dei sub domenica alla Foce

Stessa spiaggia, stessa tragedia. Sale a due, tra il 1° luglio e ieri alla Foce di Lugano, il numero di morti annegati, in un luogo da lungo tempo al centro delle discussioni e delle valutazioni politiche che tuttavia non sembrano aver maturato nessun provvedimento utile per fermare i decessi. L'ultimo corpo ripescato senza vita, ieri poco prima delle 18, è quello di un 27enne cittadino indiano residente in Germania. Il giovane stava nuotando proprio in quello stesso lembo di sabbia e acqua - una zona bollata come insidiosa e da evitare, perché profonda più di quanto l'apparenza lasci immaginare e soprattutto perché l'incontro delle fredda sorgente del Fiume Cassarate con l'acqua più calda del lago, provoca un'escursione termica non trascurabile che può aumentare le difficoltà dei nuotatori. Il 28enne domenica, entrato nel Ceresio attorno alle 17, non è più riemerso ed è stato identificato e ripescato dai sub della Società salvataggio di Lugano e della Società salvataggio del Mendrisiotto quasi un'ora più tardi a circa sei metri dalla riva e a circa quattro metri di profondità. Tratto a riva, i sanitari della Croce Verde hanno praticato tentativi di rianimazione, ma il giovane versava sin da subito in condizioni gravissime ed è spirato. 

Una tragedia a 45 giorni dalla prima

Il primo annegamento alla Foce - anni fa già teatro di decessi - all'inizio dello scorso mese, dove un 50enne cittadino eritreo, nel tentativo disperato di salvare il figlio mentre si trovava in acqua in difficoltà, si è gettato vestito nello specchio d'acqua ed è stato inghiottito dal Ceresio in poco tempo, morendo davanti agli occhi della moglie e di altri familiari e amici. «È inaccettabile che in un posto come la Foce, in centro città, dove si è naturalizzato il Cassarate e si è giustamente resa accessibile la spiaggia, avvengano annegamenti» - dichiara Aurelio Sargenti, consigliere comunale Ps a Lugano e co-firmatario di una mozione "Per un piano di informazione e prevenzione del rischio di annegamento al Foce", presentata subito dopo il primo annegamento a luglio e ora al vaglio della Commissione delle Petizioni di cui egli stesso fa parte. «Dobbiamo dirlo al pubblico che la Foce è pericolosa. Chi annega non sono gli indigeni, ma gli stranieri che devono essere informati delle numerose insidie di questo luogo: la riva in quel punto scende repentinamente e se ti scappa un piede e non sai nuotare bene ti inabissi. Il problema non sono i mulini d'acqua, inesistenti, ma l'escursione termica prodotta dall'incontro del torrente del Cassarate con il lago».

'C'è un cartello talmente piccolo e discosto che è decisamente inutile'

Prosegue il consigliere comunale socialista: «Lungo la strada che costeggia il Cassarate c'è un cartello che avverte delle insidie, ma è talmente piccolo e discosto che non può essere visto da nessuno e oltretutto è facilmente scambiabile con un'inserzione pubblicitaria che dunque non cattura l'attenzione. Vanno invece messi più cartelli». L'iniziativa di Sargenti è concreta: «Dovrebbero essere reclutati giovani o studenti con in mano dépliant informativi e di prevenzione da distribuire ai passanti e ai turisti nell'area della Foce durante tutto il periodo estivo. È in questo spirito che abbiamo presentato la nostra mozione, vale a dire riservare un contributo finanziario di qualche migliaio di franchi per approntare un Piano di informazione e prevenzione. Che tra l'altro, proprio per essere concretamente in aiuto agli stranieri, dovrà essere in più lingue, soprattutto in inglese».

La mozione - presentata, oltre che da Sargenti, da Raoul Ghisletta, Edoardo Cappelletti, Mattea David e Carlo Zoppi - ha intanto ottenuto il preavviso di ricevibilità dal Municipio ed è stata demandata al vaglio delle Commissioni delle Petizioni e della Gestione che a breve (si parla di fine agosto) si chineranno sulla tematica decisamente urgente. «Quel che chiediamo - riprende Aurelio Sargenti - è una miglior prevenzione sotto forma d'informazione e di sorveglianza. L'ideale è che venga assunto un bagnino per la Foce. Perché l'allarme dei soccorsi deve scattare immediatamente. Se le persone non vengono individuate subito il rischio di tragedia aumenta. Un bagnino potrebbe essere in grado di salvare delle vite, munito di defibrillatore e in grado di chiamare i soccorsi e di praticare un massaggio cardiaco. In ogni caso l'intervento più efficace è la prevenzione: avvertire dei pericoli di questa zona è fondamentale». I bagnini erano stati reclutati alla Foce due anni fa, nel 2019, prima della pandemia, quando l'area era stata trasformata in una Movida con "Lugano Marittima" per scongiurare incidenti durante gli aperitivi. Ma poi, con il Covid e la chiusura dei bar, l'area lacuale, tra il Circolo velico e il Parco Ciani, è tornata incustodita. Intanto l'estate luganese ha registrato pure un annegamento al Lido a giugno. Mentre complessivamente, in Ticino, dall'inizio della stagione a oggi, si contano 8 persone morte per annegamento. 

 

 

 

  

 

 

Leggi anche:

Giovane annegato e ripescato dai sub della lacuale alla Foce

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
4 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
8 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
8 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
16 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
16 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
16 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
18 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
18 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
18 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
© Regiopress, All rights reserved