laRegione
12.08.21 - 18:29
Aggiornamento: 13.08.21 - 10:27

‘La stagione balneare è ormai compromessa’

Le strutture del distretto hanno sofferto il maltempo che ha colpito il Ticino nel mese di luglio, generalmente il più intenso

la-stagione-balneare-e-ormai-compromessa
La struttura di Tesserete vista dall'alto (Archivio Ti-Press)

Pioggia e allagamenti saranno tra le immagini che più ricorderemo dell'estate vissuta dal Ticino. Una situazione anomala in una regione solitamente famosa per il suo bel tempo. A farne le spese sono soprattutto le strutture ricreative all'aria aperta, come lidi e piscine. «Possiamo dire che la stagione è ormai compromessa, anche se questa settimana stiamo lavorando bene. Abbiamo avuto un luglio disastroso a livello di condizioni meteorologiche e anche giugno non è stato dei migliori», afferma il responsabile del lido di Lugano Patrick Scarcella. Una situazione che, come si può facilmente intuire, ha portato a un calo dell'affluenza. «Rispetto alla scorsa estate abbiamo avuto una diminuzione di quasi il 50% degli ingressi. Nel luglio 2020 le entrate erano state circa 60mila. Lo stesso mese di quest'anno ci siamo fermati a 37mila». Non basteranno nemmeno le prossime settimane per recuperare le perdite. «Per esperienza sappiamo che da ferragosto i numeri diminuiscono. La stagione vera e propria per noi va dalla fine delle scuole a metà agosto», commenta il responsabile. Ad incidere è stata anche l'assenza di turisti confederati, accorsi in gran numero la scorsa estate. «Probabilmente hanno preferito continuare il viaggio e trascorrere le vacanze più a sud».

‘Salvati dai gruppi’

Un bilancio meno negativo è quello tracciato da Andrea Pellandini, responsabile dell'Arena sportiva di Capriasca: «Abbiamo registrato un'ottima affluenza da parte dei gruppi. Forse attirati dallo scivolo o dalla nuova piscina per bambini». Il cattivo tempo, nonostante l'ultimo periodo di tregua segnato da una forte ripresa dell'affluenza, si è comunque fatto sentire. «I diciotto giorni di pioggia a luglio li abbiamo pagati a caro prezzo, anche se non posso ancora fornire delle cifre. Non ha invece pesato in questo senso la pandemia». A incidere sono state soprattutto le cattive condizioni meteo durante i fine settimana, «è lì infatti che abbiamo i numeri più importanti. Questo vale sia per noi che per la buvette che diamo in gestione». La speranza è ora che le vacanze dell'edilizia spingano le persone a frequentare maggiormente le strutture. 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

Luganese flagellato dal maltempo, frane e strade interrotte

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
1 ora
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
1 ora
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
10 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
10 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
11 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
11 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
12 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
12 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
13 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved