laRegione
laR
 
12.08.21 - 17:32
Aggiornamento: 18:58

Monteceneri, guai militari per il furto di mascherine

Per l'ex consigliere comunale della Lega pena pecuniaria per appropriazione indebita aggravata. Ma lui si è opposto e sarà dunque rinviato a processo

di Guido Grilli
monteceneri-guai-militari-per-il-furto-di-mascherine
TI-PRESS
Il caso approderà davanti al Tribunale militare 3

La giustizia militare si è mossa sul clamoroso caso di sparizione di mascherine e di altro materiale dalla caserma di Airolo un anno fa e che vede al centro della vicenda un ex consigliere comunale della Lega dei ticinesi del comune di Monteceneri e dipendente in forze alla sezione sanitaria. L'uomo è stato raggiunto nei giorni scorsi da un decreto d'accusa con la proposta di una pena pecuniaria, posta al beneficio della sospensione condizionale per il reato di appropriazione indebita aggravata, ma l'indagato ha interposto opposizione. Così ora, come da prassi in questi casi, la vicenda approderà a processo davanti alla giustizia militare, al Tribunale militare 3. Il dibattimento pubblico non è ancora stato aggiornato, ma dovrebbe svolgersi nei prossimi mesi. 

Il caso scoppiato la scorsa estate con la perquisizione in Municipio 

Il caso è scoppiato la scorsa estate, più o meno di questi periodi, quando la polizia militare aveva operato un vero e proprio blitz negli uffici di palazzo civico a Monteceneri. Al termine dell'intervento è spuntato il maltolto, in un locale del Municipio: uno stock di mascherine sanitarie, diverse centinaia, flaconi di disinfettanti e altro materiale ancora. Materiale che è stato sottratto senza autorizzazione - questa è l'accusa sulla quale ha fatto luce l'inchiesta militare - dalla caserma di Airolo per mano del funzionario della sezione dei sanitari. Il furto risalirebbe al mese di marzo 2020, proprio poco dopo lo scoppio della prima ondata della pandemia di Covid-19. L'ex consigliere comunale leghista - che ad aprile non ha più sollecitato un nuovo incarico in Consiglio comunale, abbandonando così la politica - si sarebbe prodigato in un "regalo" di mascherine al Comune, danneggiando il legittimo proprietario, vale a dire Armasuisse, ignaro di questa iniziativa non richiesta. 

"Violato l'articolo 130 del codice penale militare"

Interpellato dai media, lo scorso agosto, il funzionario della caserma militare di Airolo finito sotto inchiesta aveva spiegato l'intento del trasferimento della massiccia quantità di mascherine sanitarie dalla sede di Airolo al locale del Municipio: metterle a disposizione della collettività e sui fatti aveva adottato il classico sintagma, "non confermo né smentisco". Salvo incorrere in quello che ora la giustizia militare definisce, stando all'atto d'accusa spiccato nei confronti dell'indagato, un atto riprovevole, segnatamente una violazione dell'articolo 130 del codice penale militare, che configura il reato di appropriazione indebita aggravata. L'ex consigliere comunale, che come detto si è opposto al decreto d'accusa, nega dal canto suo sostanzialmente responsabilità penali. Resta il fatto che ora il suo ricorso prevede per lui un rinvio a processo davanti alla giustizia militare. Il dipendente dell'esercito, secondo nostre informazioni, era stato perquisito nella propria abitazione a Monteceneri. All'alba la polizia militare aveva fatto irruzione al suo domicilio, alla ricerca delle mascherine e di altro materiale militare scomparso dalla caserma. L'imponente operazione era durata a lungo e aveva visto gli agenti perlustrare l'intera abitazione dell'indagato. 

Se riconosciuto colpevole, il dipendente della sezione sanitaria, che dovrà presentarsi a processo accompagnato da un avvocato, come impone la giustizia militare, il prelievo delle mascherine dal deposito militare potrebbe avere conseguenze anche professionali. I responsabili della caserma di Airolo potrebbero infatti ordinare nei suo confronti sospensioni, trasferimenti o, persino il licenziamento. Ma questo è un argomento che esula invece dalle competenze dell'autorità giudiziaria militare, la quale - ci è stato spiegato dalla stessa - non si occupa di questi aspetti, analogamente a quanto avviene nell'ambito della giustizia civile. Secondo la ricostruzione della sottrazione delle centinaia di mascherine dai locali della caserma, di confezioni di disinfettante e di altro materiale militare, il dipendente avrebbe comunque consentito agli inquirenti di risalire rapidamente al maltolto, permettendo così la restituzione della merce sparita, contenuta in diversi pacchi, al legittimo proprietario, vale a dire Armasuisse. Resta il fatto che la giustizia militare, al termine della sua inchiesta, ha ravvisato gli estremi per la proposta di una pena pecuniaria al beneficio della sospensione condizionale e a una multa da pagare. Il caso approderà, verosimilmente ancora entro la fine del 2021, in un processo per l'ipotesi di reato di appropriazione indebita aggravata. I processi vengono aggiornati mensilmente. Al momento il caso delle mascherine di Monteceneri non è ancora stato agendato.

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

Imbarazzo a Monteceneri per le mascherine militari

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
21 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved