laRegione
12.08.21 - 05:30
Aggiornamento: 16.08.21 - 12:05

Lugano, Marco Borradori e la Lega che verrà

Il decesso del sindaco rappresenta l'ennesimo terremoto per il movimento che negli ultimi anni ha perso diversi esponenti di spicco.

lugano-marco-borradori-e-la-lega-che-verra
Il sindaco con il fondatore della Lega Giuliano Bignasca (Ti-Press/Archivio)

È davvero un brutto colpo per la Lega dei Ticinesi la morte del sindaco di Lugano Marco Borradori, dopo l’arresto cardiaco di martedì a Vezia durante il suo allenamento per prepararsi a correre alla maratona di New York e il progressivo aggravarsi delle sue condizioni. Una tegola per il movimento di via Monte Boglia, perché Borradori era un personaggio politico che aveva dimostrato equilibrio, era amato e apprezzato dalla popolazione e sapeva sempre scegliere le parole giuste per ogni occasione, favorevole o spiacevole. Lo attestano le innumerevoli testimonianze di affetto e di sostegno giunte in redazione e apparse sui social provenienti da ogni parte del Ticino prima e dopo il suo decesso. Un profilo, il suo, che ricalca quello che lui stesso tracciò nel maggio 2017, quando parlò su queste colonne della persona ideale che avrebbe dovuto assumere il coordinamento della Lega: “Sui 40 anni e dunque con ancora molta energia da spendere. Un leghista convinto, ovviamente, che ha familiarità con la vita istituzionale, ma anche capace di dialogare con l’anima, chiamiamola così, più ‘barricadiera’. Qualità ideali che, a parte l’età, si attagliano piuttosto alla sua di figura, versatile, intelligente e dotato di una capacità dialettica al di sopra della media, in particolare quando è stato chiamato a più riprese a domare gli incendi capitati all’interno e all’esterno della Lega.

Dal Nano ad Attilio Bignasca

La giornata nera di Lugano e di tutto il cantone rappresenta anche l’ennesima scossa che subisce il movimento negli ultimi otto anni. Il primo terremoto cominciò il 7 marzo del 2013 con il decesso del fondatore della Lega Giuliano Bignasca che, per una beffa del destino, restò in lista e venne eletto nel Municipio il 14 aprile, proprio quando Borradori spodestò dalla poltrona di sindaco Giorgio Giudici e la Lega conquistò la storica maggioranza nell’esecutivo. Quell’anno fu nefasto: anche Michele Barra, che prese il posto di Borradori alla direzione del Dipartimento del territorio, morì di tumore in ottobre, solo qualche mese dopo l’entrata in carica in Consiglio di Stato. La Lega, che già era rimasta orfana di uno dei fondatori, con la scomparsa di Flavio Maspoli nel giugno 2007, in seguito pianse la dipartita del cofondatore Mauro Malandra il 30 agosto del 2016. L’addio a Silvano Bergonzoli, altro esponente di spicco, ex deputato e municipale a Locarno, è invece più recente: risale al gennaio di due anni fa. A fine marzo dello scorso anno si spense anche Attilio Bignasca, fratello di Giuliano, rieletto nel 2019 in Gran Consiglio, imprenditore e titolare della A+G Bignasca e leghista della prima ora. Ora, all’orizzonte si stagliano periodi di inevitabili rinnovi per il movimento che in trent’anni ha mutato gli equilibri politici del Cantone.

Leggi anche:

Marco Borradori è morto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
6 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
6 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
8 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
8 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
9 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
9 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
10 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
13 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
13 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
© Regiopress, All rights reserved