laRegione
23.07.21 - 15:22
Aggiornamento: 25.07.21 - 17:29

Nel lago Ceresio finiscono anche carta e rifiuti solidi?

Interrogazione leghista al Municipio di Lugano sul recente inquinamento da idrocarburi all'altezza del Lac

nel-lago-ceresio-finiscono-anche-carta-e-rifiuti-solidi
Il... lac ( Ti-Press)

Mercoledì nel lago Ceresio, all'altezza del Lac, sono finiti degli idrocarburi tanto che è comparsa con una vasta chiazza in superficie. I pompieri hanno posizionato uno sbarramento per contenere l'inquinamento e giovedì mattina hanno lavorato al recupero e alla neutralizzazione delle sostanze inquinanti. "Da quanto si è potuto appurare – si legge in un'interrogazione sottoscritta da consiglieri comunali della Lega dei Ticinesi (primo firmatario Andrea Sanvido) lo sversamento proviene da un riale che raccoglie le acque chiare di tutti i quartieri a monte che sfocia davanti al Lugano arte cultura".

Al gruppo leghista è stato peraltro segnalato un grave fatto, se confermato: il riale a volte scaricherebbe a volte nel lago di Lugano anche rifiuti solidi come la carta, "inoltre – evidenzia l'interrogazione – gli odori che provengono da quella zona non sono un bel biglietto da visita per i turisti che vengono a visitare la nostra bellissima città". Quanti scarichi di questo tipo ci sono nel lago? Perché sono ancora in funzione e per quanto tempo lo saranno ancora? Sono le prime domande che i consiglieri volgono all'esecutivo luganese.

"Alla luce del rifacimento delle tubazioni su via Loreto e via Adamini, non era prevedibile l'incanalamento dello stesso riale nelle acque luride oppure modificarne il suo percorso per evitare disagi simili a quello di questa settimana" non mancano ancora di chiedere i leghisti che fanno ancora sapere come "poco distante dal muro del lungolago che da sul porto Belvedere, abbiamo appreso di un altro canale che spurga un po' di tutto a dipendenza del periodo. Si può sapere con precisione che acque raccoglie? Ogni quanto vengono fatte delle analisi sulle acque che entrano dai riali a cui facciamo riferimento? Con quale esito su sostanze e batteri?".

 

Leggi anche:

Idrocarburi nel lago, pompieri di Lugano all'opera

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
27 min
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
45 min
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
1 ora
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
1 ora
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
1 ora
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
2 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
7 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
8 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
8 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
8 ore
I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni
Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
© Regiopress, All rights reserved