laRegione
villa-luganese-la-fontana-nel-bosco-non-doveva-essere-costruita
Villa Luganese (archivio Ti-Press)
22.07.21 - 17:25
Aggiornamento: 18:39

Villa Luganese, la fontana nel bosco non doveva essere costruita

Il Tribunale federale respinge il ricorso dell'ex presidente del Patriziato. ‘I fondi situati nell'area forestale devono essere liberi da costruzioni’

La fontana costruita dall'ex presidente del Patriziato di Villa Luganese su un fondo di proprietà dello stesso Patriziato – ubicato fuori della zona edificabile, prevalentemente nell'area boschiva e incluso nel comprensorio dei Denti della Vecchia, censito nell'Inventario federale dei paesaggi, siti e monumenti naturali d'importanza nazionale – non doveva essere costruita. Dichiarando “inammissibile” e quindi respingendo il ricorso presentato, il Tribunale federale di Losanna ha messo la parola fine a una vicenda iniziata nel marzo 2017 e che ha visto i pareri negativi di Città di Lugano (che ha respinto la licenza edilizia in sanatoria), Consiglio di Stato e Tribunale cantonale amministrativo. Come si legge nella sentenza datata 5 luglio, l'ex presidente, senza interpellare il Patriziato e “senza aver richiesto le necessarie autorizzazioni, ha costruito in maniera abusiva l'opera, su un fondo che non gli appartiene, intendendo al suo dire, apporre i cognomi delle famiglie patrizie sulla fontana, scopo del tutto personale”. Il Tf ha definito “ininfluente” il fatto che non è necessario un permesso di dissodamento. “Sebbene piccoli edifici e piccoli impianti non forestali non lo richiedano, visto che non integrano gli estremi di un cambiamento delle finalità del suolo boschivo, essi sono comunque considerati utilizzazioni nocive e necessitano quindi di un permesso, oltre a un'autorizzazione a costruire”. La fontana oggetto del contendere, ancorata nella roccia, “può essere assimilata a un piccolo impianto non forestale subordinato a un'autorizzazione eccezionale, da conseguire nell'ambito della procedura ordinaria di rilascio dell'autorizzazione a costruire. Autorizzazione non richiesta dal ricorrente e che, come ritenuto dai giudici cantonali, non può essere rilasciata”. L'opera, si legge ancora nella sentenza, “contrasta con i principi pianificatori che vogliono liberi da costruzioni i fondi situati nell'area forestale, obiettivi fondati su un interesse pubblico preponderante, che non occorre dimostrare: ciò a maggior ragione visto che è prevista in una zona di protezione delle bellezze naturali e del paesaggio in base all'Ifp”. La realizzazione di un'opera a scopo turistico e a favore degli escursionisti, come asserito dall'ex presidente, “spetta semmai all'ente pubblico, congiuntamente ai proprietari privati, nel contesto di una pianificazione che risponda a bisogni oggettivi, e non ai singoli individui sulla base di loro scelte personali e soggettive”. Il ricorrente ha rimproverato all'amministrazione patriziale di non avere dato seguito alle sue richieste per la realizzazione del manufatto e di non avere presentato all'assemblea la domanda. Queste, conclude il Tf, sono “questioni esulano dall'oggetto del litigio”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fontana patriziato tribunale federale villa luganese
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
58 min
Mendrisio, ‘come si sta gestendo la penuria d’acqua?’
A chiederlo, con un’interrogazione urgente al Municipio, sono tre consiglieri comunali dell’AlternativA
Ticino
1 ora
Peste suina alle porte, previste limitazioni per alcune attività
Presentato dal Consiglio di Stato il ‘Manuale operativo’ per gestire il virus. ‘Segnalare le carcasse e smaltire correttamente i rifiuti’
Ticino
1 ora
‘Serve un maggiore accumulo idrico nei grandi laghi’
È quanto emerge dall’incontro tra un gruppo del Gran Consiglio e i Consigli regionali di Lombardia e Piemonte
Ticino
2 ore
Il Cantone apre ai bitcoin: ‘Pagamenti limitati, per ora’
Sarà possibile pagare alcune tasse amministrative online. ‘Si tratta di un progetto pilota, per ora gli importi sono limitati e non toccano le imposte’
Luganese
2 ore
Campione d’Italia, il sindaco si autosospende. Padula ad interim
Motivi di salute all’origine della decisione del primo cittadino dell’enclave. Dovrebbe rientrare in carica per fine settembre
Bellinzonese
3 ore
È giunta l’ora delle ruspe per la vecchia Valascia
Lunedì 11 luglio l’avvio della demolizione. Appuntamento sul posto per chi vorrà salutarla un’ultima volta
Bellinzonese
3 ore
Abuso sessuale alla Fabrique, imputato di nuovo in aula
Processo bis nei confronti dell’uomo condannato in prima istanza per aver approfittato di una ragazza ubriaca. La difesa chiede l’assoluzione
Grigioni
4 ore
È deceduto il bagnante rinvenuto sabato nel Lago di Poschiavo
Il 54enne italiano si era immerso ma non era più tornato in superficie. Ritrovato ad alcuni metri di profondità, era stato elitrasportato in ospedale.
Locarnese
5 ore
Tampona con lo scooter una macchina, gravi ferite per un 55enne
Lo scontro è avvenuto verso le 13.30 poco prima della rotonda dell’aeroporto di Locarno.
Locarnese
11 ore
Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia
Ai Ronchini una sezione in più delle Elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore
© Regiopress, All rights reserved