laRegione
PAIRE B./RINDERKNECH A.
HUESLER M./STRICKER D.
15:00
 
villa-luganese-la-fontana-nel-bosco-non-doveva-essere-costruita
Villa Luganese (archivio Ti-Press)
Luganese
22.07.21 - 17:250
Aggiornamento : 18:39

Villa Luganese, la fontana nel bosco non doveva essere costruita

Il Tribunale federale respinge il ricorso dell'ex presidente del Patriziato. ‘I fondi situati nell'area forestale devono essere liberi da costruzioni’

La fontana costruita dall'ex presidente del Patriziato di Villa Luganese su un fondo di proprietà dello stesso Patriziato – ubicato fuori della zona edificabile, prevalentemente nell'area boschiva e incluso nel comprensorio dei Denti della Vecchia, censito nell'Inventario federale dei paesaggi, siti e monumenti naturali d'importanza nazionale – non doveva essere costruita. Dichiarando “inammissibile” e quindi respingendo il ricorso presentato, il Tribunale federale di Losanna ha messo la parola fine a una vicenda iniziata nel marzo 2017 e che ha visto i pareri negativi di Città di Lugano (che ha respinto la licenza edilizia in sanatoria), Consiglio di Stato e Tribunale cantonale amministrativo. Come si legge nella sentenza datata 5 luglio, l'ex presidente, senza interpellare il Patriziato e “senza aver richiesto le necessarie autorizzazioni, ha costruito in maniera abusiva l'opera, su un fondo che non gli appartiene, intendendo al suo dire, apporre i cognomi delle famiglie patrizie sulla fontana, scopo del tutto personale”. Il Tf ha definito “ininfluente” il fatto che non è necessario un permesso di dissodamento. “Sebbene piccoli edifici e piccoli impianti non forestali non lo richiedano, visto che non integrano gli estremi di un cambiamento delle finalità del suolo boschivo, essi sono comunque considerati utilizzazioni nocive e necessitano quindi di un permesso, oltre a un'autorizzazione a costruire”. La fontana oggetto del contendere, ancorata nella roccia, “può essere assimilata a un piccolo impianto non forestale subordinato a un'autorizzazione eccezionale, da conseguire nell'ambito della procedura ordinaria di rilascio dell'autorizzazione a costruire. Autorizzazione non richiesta dal ricorrente e che, come ritenuto dai giudici cantonali, non può essere rilasciata”. L'opera, si legge ancora nella sentenza, “contrasta con i principi pianificatori che vogliono liberi da costruzioni i fondi situati nell'area forestale, obiettivi fondati su un interesse pubblico preponderante, che non occorre dimostrare: ciò a maggior ragione visto che è prevista in una zona di protezione delle bellezze naturali e del paesaggio in base all'Ifp”. La realizzazione di un'opera a scopo turistico e a favore degli escursionisti, come asserito dall'ex presidente, “spetta semmai all'ente pubblico, congiuntamente ai proprietari privati, nel contesto di una pianificazione che risponda a bisogni oggettivi, e non ai singoli individui sulla base di loro scelte personali e soggettive”. Il ricorrente ha rimproverato all'amministrazione patriziale di non avere dato seguito alle sue richieste per la realizzazione del manufatto e di non avere presentato all'assemblea la domanda. Queste, conclude il Tf, sono “questioni esulano dall'oggetto del litigio”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mondo digitale
56 min
'L'arte digitale è qui per rimanere'
La nuova mania del collezionismo che offre ad artisti e compratori proprietà e investimenti digitali
Mendrisiotto
1 ora
Chiasso ha fatto la sua scelta: meglio in Pedibus che in bus
Niente più sovvenzioni al trasporto pubblico per i più piccoli. Il Comune scommette sul tragitto casa-scuola a piedi
Locarnese
2 ore
Lite tra ragazze a Locarno, una vetrina spaccata
L'episodio, avvenuto questa notte nella Città Vecchia, vedrebbe coinvolte quattro giovani
Bellinzonese
8 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
8 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
18 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
18 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
19 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
20 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
21 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile