laRegione
il-tram-boccia-il-tram-per-lombardi-e-la-ricorsite
C'è poco da sorridere (Ti-Press)
20.07.21 - 19:02
Aggiornamento: 23:10

Il Tram 'boccia' il tram, per Lombardi 'è la ricorsite'

Rilevate dal Tribunale amministrativo cantonale questioni formali nel bando di concorso, da rifare dunque. Ora per il Cantone la carta Tribunale federale.

Signori, tutto da rifare. Un invito perentorio, senza ma e senza se, quello sottoscritto dal Tribunale cantonale amministrativo (Tram, proprio questo il suo acronimo, quando si dice la beffa) in merito alla gara per la progettazione del Tram-treno del Luganese, di cui già 'laRegione' aveva anticipato lo scorso maggio la sospensione. I giudici hanno, infatti, accolto due ricorsi. Una questione che sembrerebbe più di forma che di contenuto. Secondo la Rsi, che ha potuto leggere la sentenza, la decisione del Tribunale non è intervenuta sul tracciato del progetto – peraltro protagonista di un'ottantina di opposizioni poi scese, negli ultimi due anni, a trenta – o sulle accese discussioni in merito al mantenimento della linea di collina che attualmente serve i Comuni di Sorengo, Muzzano e Collina d’Oro, ma è andata a gamba tesa sul bando decretandone la nullità e dunque una nuova indizione. Secondo i ricorrenti mancavano, soprattutto, i criteri che tenessero in considerazione l’organizzazione e l’esperienza dei team di progettazione, come capacità tecniche e organizzative.

Progetto il cui costo si aggira intorno ai 400 milioni di franchi, la Rete tram-treno del Luganese dovrebbe andare a "ridefinire l’agglomerato urbano di Lugano, andando a connettere come mai prima d’ora il basso Vedeggio, il Malcantone e il centro città" si legge nelle sue potenzialità. Appoggiato dal Cantone, che ne ha visto anche il carattere ecosostenibile, è stato definito "un progetto epocale", non solo perché dovrebbe essere una valida alternativa al mezzo privato, ma in particolar modo in quanto opera che contribuirà a rendere l’intero agglomerato luganese "più moderno e vivibile". Ora questo stop rischia di compromettere fortemente il ruolino di marcia, in quanto l'inizio dei lavori era previsto per il prossimo anno con conclusione entro il 2029.

Un bel grattacapo anche, e soprattutto, per la Città di Lugano: «Questo è un problema che colpisce molte opere sia pubbliche che private nel nostro Paese, è la ricorsite – raccogliamo ancora a caldo la riflessione di Filippo Lombardi, capo dicastero Sviluppo territoriale – e soprattutto la possibilità di rimettere in discussione bandi di concorso. Non sono in grado in questo momento di valutare nei dettagli le ragioni del Tribunale nell'accogliere questi due ricorsi, però è sicuro che ancora una volta o per errori formali o per altri motivi subiamo un allungamento importante dei tempi di realizzazione per un'opera che, credo, sia da quasi tutti ritenuta essenziale. In quanto Comune fra i più coinvolti siamo anche fra i più interessati affinché questa opera giunga quanto prima a realizzazione». Nessun confronto, per ora, con il Consiglio di Stato. Lombardi ci anticipa un incontro già agendato nei prossimi giorni per altre tematiche e nel quale il tram-treno troverà certamente uno spazio di rilievo: «Speravamo che le cose andassero un po' più lisce, anche perché con alcuni accorgimenti e correzioni le opposizioni si erano ridotte drasticamente, e questo era senz'altro positivo» si lascia poi scappare il municipale.

 

 

Leggi anche:

Il Tram ferma il treno: sospeso l'appalto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bando concorso filippo lombardi tram treno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
1 ora
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica ch introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’.
Ticino
1 ora
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
9 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
10 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
11 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
11 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
11 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
12 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
12 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
© Regiopress, All rights reserved