laRegione
19.07.21 - 15:17
Aggiornamento: 18:02

Antenne 5G a Lugano, rimangono ‘svariate perplessità’

I consiglieri comunali Sara Beretta Piccoli, Tiziano Galeazzi e Nicola Schoenenberger presentano un'interpellanza al Municipio

antenne-5g-a-lugano-rimangono-svariate-perplessita
Un'antenna 5G (archivio Ti-Press)

Ha fatto emergere “svariate perplessità” il documento per l’esame preliminare dipartimentale relativo alla ‘Variante dei Piani regolatori di Lugano, tutte le sezioni, concernente il piano di gestione delle antenne per la telefonia mobile’. I consiglieri comunali Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino e Lavoro), Tiziano Galeazzi (Udc) e Nicola Schoenenberger (Verdi) hanno presentato un'interpellanza al Municipio di Lugano. I firmatari dichiarano innanzitutto di essere “per uno sviluppo tecnico ‘nella giusta misura’, compatibile e rispettoso dell’essere umano e dell’ambiente”.

La prima serie di domande riguarda il monitoraggio delle antenne da parte dell'Osservatorio ambientale della Svizzera italiana (Oasi). “Cercando alcune misurazioni – spiegano i consiglieri comunali – si constatano date piuttosto indietro con il tempo”. Tra i vari esempi forniti ci sono quelli di via Moncucchetto e via Serodine (2010), via delle Scuole 14e a Pregassona (2009) e via Guisan a Viganello (di fronte alla casa anziani, 2005). Come mai, viene chiesto al Municipio, sono a disposizione unicamente misurazioni così vecchie? E dove sono reperibili le ulteriori misurazioni che sarebbero state da effettuare dopo la posa di ogni antenna? “Altri aspetti dell'inquinamento ambientale vengono documentati in modo molto preciso, con dati reperibili fino alle settimane precedenti, fino ai giorni attuali”.

Passando alle antenne, “vengono nominati 255 impianti in totale, con descrizione di 64 impianti Gsm (2G), 96 impianti 3G e 95 impianti 4G (di cui 60 microcelle)”. Per quale motivo, è l'interrogativo al Municipio, non vengono descritti gli impianti 5G, che invece fino a ora nelle mappe Swisscom sono visibili? “Si potrebbe supporre per il fatto che tecnicamente lo sono (5G) ma non ancora in funzione, cioè antenne modificate da 3-4 a 5G (ma che continuano a usare le precedenti frequenze) fino a eventuale accettazione della domanda di costruzione?”. Vi sono poi interrogativi legati alle leggi. “Le varie normative di diritto cantonale e comunale devono (dovrebbero) avere il diritto e il dovere di evolversi, trasformarsi, modificarsi parallelamente alla società, in qualsiasi modo risulti adeguato, al fine di proteggere il benessere della popolazione”. Al tempo della compilazione di queste leggi, circa 20 anni fa, “nessuno si sarebbe potuto immaginare l’attuale sviluppo dei media, l’uso e purtroppo anche l’abuso di questi, e specialmente riferito alla gioventù. Siamo ora immersi in molteplici fonti di E-smog, e anche in questo caso, come per il coronavirus, andrebbero protette le persone più sensibili, bambini, anziani e malati. Inoltre, verificando la postazione di svariate antenne (e anche già dichiarate 5G), emerge come queste siano già spesso posizionate in vicinanza o direttamente in zone cosiddette ‘sensibili’, cioè asili, scuole, parchi giochi, case anziani, ospedali”. Al Municipio viene chiesto “se e come venga considerato questo problema della inadeguatezza delle attuali leggi, riferito alla protezione della salute della popolazione”. Anche il cosiddetto ‘modello a cascata’ per il disciplinamento delle antenne “appare fuorviante”. Che senso ha, chiedono ancora i firmatari, “proporre questo modello per proteggere le zone sensibili se poi è scartabile a seconda delle necessità delle ditte di telefonia, se è comunque possibile non rispettarlo?”. I consiglieri comunali evidenziano infine che “esistono plurimi studi scientifici che attestano la pericolosità delle antenne in vicinanza di luoghi in cui soggiornano persone, da cui viene consigliata una distanza di almeno 500 metri, e questo è già valido per antenne di generazione inferiore”. A questi si aggiungono “numerosi appelli che tentano di portare all'attenzione delle autorità il problema dell’E-smog sempre più pervasivo”, come l'appello internazionale dei medici 2012. Il Municipio di Lugano “come si pone di fronte a queste preoccupazioni di medici e scienziati di tutto il mondo?”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
4 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
6 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
6 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
7 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
8 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
8 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
9 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
12 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
13 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
© Regiopress, All rights reserved