laRegione
tappeti-acquistati-casse-malati-truffate-doppia-sentenza
Contabilità (Ti-Press)
08.07.21 - 17:27
Aggiornamento: 18:23

Tappeti acquistati, casse malati truffate: doppia sentenza

Il commerciante del Luganese prosciolto dall'appropriazione indebita, ma condannato con la figlia per aver emesso false fatture per prestazioni estetiche

Quel contratto di compravendita è stato «in realtà» concluso. È, dunque, caduta per l'82enne iraniano, commerciante da un trentennio sulla piazza luganese, l'accusa di appropriazione indebita mossagli dalla procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti. La Corte delle assise criminali, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, lo ha prosciolto. Pur avendo rilasciato, nel corso dell'inchiesta, dichiarazioni non lineari e non coerenti, diversamente dalla costanza nella sua testimonianza da parte dell'accusatore privato, vi erano elementi tali da screditare la tesi che i cinque tappeti fossero solo in prova. Non solo perché non sarebbe giustificabile un versamento da parte del potenziale acquirente dell'intero costo, ma soprattutto perché supportato dalla volontà di quest'ultimo di voler restituire i preziosi 'persiani' dopo che l'assicuratore aveva indicato un valore notevolmente inferiore. Una diatriba che la Corte ha, dunque, giudicato «puramente civilistica» rimandandola al foro competente.

E se da una parte è stata assoluzione, dall'altra l'ottantenne è stato invece condannato, insieme alla figlia, per ripetuta truffa qualificata, siccome commessa per mestiere, e ripetuta falsità in documenti. «Nel centro estetico – ha esordito Pagnamenta – vigeva la prassi della fidelizzazione delle clienti proponendo prestazioni per trattamenti non riconosciuti dalle casse malati ma diversamente facendoli figurare come tali. Come peraltro evidenziato, attraverso una segnalazione anonima, in un'inchiesta radiotelevisiva del 2012». La 57enne, che gestiva lo studio, aveva del resto sempre ammesso i fatti così la nipote e diverse clienti. Non così il padre e nonno che, è stato ribadito, si occupava in prima persona della contabilità, anche per i tratti socioculturali del Paese d'origine, non ha mancato di puntualizzare il presidente. Imputato peraltro refrattario alla trasparenza tanto da trincerarsi dietro a ritrattazioni e alla facoltà di non rispondere: «Anche per questo la chiamata di correo è lineare» ha sentenziato la Corte, condannando l'uomo a 14 mesi e la donna a dieci. Un reato aggravato dal lungo periodo intercorso (quattro anni) e per l'importo di oltre 655mila franchi spalmati su ben 574 false fatture: «Senza dimenticare – ha chiosato Pagnamenta – che vi facevano conto con fare truffaldino per incrementare le loro entrate e quindi per scopo di lucro».

Leggi anche:

Ti vendo (provo) cinque tappeti: chi avrà ragione?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casse malati criminali false fatture processo tappeti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
3 ore
Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà
La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Luganese
4 ore
Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio
In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
5 ore
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Bellinzonese
5 ore
A Giubiasco quasi un milione per l’ex palazzo comunale
Dopo una prima fase di risanamento strutturale, è ora necessario installare la nuova caldaia e un impianto per rinfrescare
Bellinzonese
5 ore
Castellinaria, ‘Mercato coperto più accogliente e accessibile’
Per Flavia Marone (presidente del festival) la struttura di Giubiasco presenta vantaggi sia dal punto di vista logistico, sia da quello finanziario
Grigioni
7 ore
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Ticino
7 ore
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
8 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
9 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
9 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
© Regiopress, All rights reserved