laRegione
ex-macello-di-lugano-confermata-la-presenza-di-amianto
Arrivano conferme dai risultati dei prelievi in profondità: c'è amianto e altre sostanze potenzialmente nocive (Ti-Press)
02.07.21 - 15:21
Aggiornamento: 16:35

Ex Macello di Lugano, confermata la presenza di amianto

Il Ministero pubblico comunica i risultati dei prelievi in profondità: alcuni materiali contengono sostanze pericolose ma l'area resta sicura

È confermata la presenza di amianto e idrocarburi policiclici aromatici (Pah) in singoli oggetti che non sono presenti in quantitativi importanti rispetto alla massa delle macerie e dei rifiuti di un edificio dell'ex Macello abbattuto, su ordine della maggioranza del Municipio di Lugano, dalle ruspe nella notte fra sabato 19 e domenica 30 maggio. Lo ha reso noto il Ministero pubblico sulla scorta dei risultati degli esami dei materiali prelevati in profondità lo scorso 17 giugno sotto il cumulo di detriti nell'area posta sotto sequestro. Come già riscontrato durante i prelievi in superficie, ricorda la Procura, è stata nuovamente confermata la presenza puntuale di alcuni materiali contenenti potenzialmente pericolosi ma non sono per contro state evidenziate tracce di amianto (o indizi di altre sostanze pericolose) nel materiale fine sul sedime. Intanto, pure la Sezione protezione aria, acqua e suolo ha confermato che la zona delimitata e sottoposta a sequestro è al momento sicura e priva di effetti dannosi per la popolazione e l'ambiente. Diversi materiali sul sedime sono da considerarsi come rifiuti speciali che, al momento del dissequestro, dovranno essere smaltiti applicando misure particolari per adempiere alle esigenze ecologiche prescritte dalle normative edilizie e ambientali.

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Lugano, tornano le ruspe all'ex Macello

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
55 min
Livelli nelle Medie, ottomila volte ‘no’
Consegnate in Cancelleria di Stato le firme per chiederne l’abolizione. Gli iniziativisti mirano a ‘una scuola dell’obbligo con più giustizia sociale’
Luganese
2 ore
Bocciato all’esame svizzero di maturità, ricorre ma perde
Il Tribunale federale respinge il ricorso di uno studente che ha spiegato di soffrire di ansia da esame denunciando arbitrarietà e insensibilità
Bellinzonese
2 ore
‘Via appartamenti e negozi’ dal Quartiere Officine di Bellinzona
Le osservazioni del gruppo Verdi/Mps/Fa sulla variante di Pr: ‘Puntare sui soli contenuti lavorativi, formativi, di ricerca e culturali’
Ticino
3 ore
Dalla Goliardia alla Supsi, gli studenti ‘ritrovano la voce’
Dopo anni di assenza il Ticino torna ad avere una sua rappresentanza all’Unione svizzera degli universitari. ‘Il problema è trovare continuità’
Luganese
3 ore
Stilata la Dichiarazione di Lugano con sette principi
Secondo e ultimo giorno del convegno in riva al Ceresio. Segui il live della conferenza stampa conclusiva
Bellinzonese
3 ore
La capanna Gesero alla Biscia e nuovi orizzonti
Il 2 luglio è stata inaugurata la nuova struttura della sezione Utoe di Bellinzona. Clericetti: ‘una tendenza da sfruttare nella nostra regione’
Luganese
5 ore
Urc 2022, è il giorno della ‘Dichiarazione di Lugano’
Al via la seconda giornata della conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina. A fine mattina prevista la firma dell’accordo finale
Luganese
5 ore
Senza lavapiatti e camerieri il ristorante è... bollito
Il presidente di GastroLugano rende attenta la categoria anche della presenza di false attestazioni o di diplomi di scuole inesistenti
Mendrisiotto
5 ore
‘Cine-Bar addio’? A Stabio il caffè lascia il posto a uffici
Depositata in Comune una domanda di costruzione. Avventori amareggiati: ‘Si perde un punto di riferimento’
Locarnese
9 ore
Strada della Vallemaggia, una storia costellata d’incidenti
Due morti nel giro di una settimana. Su quell’arteria d’asfalto torna l’incubo della lunga scia di decessi degli scorsi decenni
© Regiopress, All rights reserved