laRegione
foce-50enne-annega-nel-lago-di-lugano
Polizia e primi soccorsi sul luogo dell'annegamento (Rescuemedia)
+3
01.07.21 - 20:23
Aggiornamento: 21:38

Foce, 50enne annega nel lago di Lugano

L'uomo si è tuffato nel tentativo di aiutare il figlio. Il ragazzo si è salvato ma i sommozzatori hanno ripescato il corpo di suo padre privo di vita

Un uomo sulla cinquantina, di origini eritree, è deceduto nelle acque del Ceresio, alla Foce del Cassarate, oggi pomeriggio, verso le 18.30, poche ore dopo l'annegamento di un 75enne presso il Lido di Gerra Gambarogno. Stando alle prime informazioni raccolte sul luogo da un testimone oculare, l’uomo si è tuffato nel lago vestito nel tentativo di aiutare suo figlio in difficoltà, quando è sparito nelle acque. È riuscito a salvare il figlio ma non è più riemerso, risucchiato a una decina di metri dalla riva dove il fondale sprofonda, l'acqua più torbida e calda del lago incontra quella fresca del fiume. La moglie ha assistito disperata alla scena assieme ad altre persone della comunità africana. Immediato l’allarme lanciato ai soccorsi: i sommozzatori della Polizia Cantonale e della Società di Salvataggio di Lugano, che si sono immersi, hanno localizzato e ripescato il corpo dell'uomo 45 minuti dopo, verso le 19.15, a circa 18 metri di profondità e a 25 metri dalla riva. Vano il tentativo di rianimare il cinquantenne tramite un massaggio cardiaco. Sul posto, sono giunti pure i soccorritori della Croce Verde di Lugano che non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo. Sul luogo della disgrazia era presente anche il Care Team. C'erano, come detto, alcune persone della comunità eritrea che si è stretta attorno alla compagna dell'uomo che ha perso la vita nelle acque del lago. La famiglia è domiciliata a Lugano da diversi anni. Presenti anche gli agenti della Polizia Scientifica. L'accesso all'ultimo tratto della Foce è stato delimitato dalle forze dell'ordine. Un'altra tragedia dopo quella capitata nei giorni scorsi nella piscina olimpionica del Lido di Lugano. Nella zona della Foce del Cassarate, dopo alcuni annegamenti, la Città di Lugano ha posato cartelli che segnalano il pericolo. Sono stati almeno due i decessi avvenuti negli ultimi cinque anni. Alla Foce, lo ricordiamo, in precedenza esisteva il divieto di balneazione. Un divieto che successivamente venne eliminato su richiesta delle autorità cantonali considerato che le rive e le acque lacustri sono demanio pubblico e dunque devono essere fruibili da tutti.

Leggi anche:

Un 75enne di Obvaldo morto annegato a Gerra Gambarogno

Lugano, 35enne annegato: probabilmente non sapeva nuotare

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
50enne annegato foce cassarate lago lugano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
28 min
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza ESG’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
3 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
5 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
8 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
17 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
19 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
20 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
20 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
21 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
21 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
© Regiopress, All rights reserved