laRegione
22.06.21 - 16:03
Aggiornamento: 16:57

Lugano, trafficati oltre 800 grammi di cocaina: condannato

Un 62enne è stato condannato oggi alle Assise criminali a 2 anni e 8 mesi parzialmente sospesi e all'espulsione dalla Svizzera per 7 anni

lugano-trafficati-oltre-800-grammi-di-cocaina-condannato
Oltre 800 i grammi spacciati (Ti-Press/Archivio)

Gli sono passati fra le mani oltre 800 grammi di cocaina in meno di due anni. E oggi, la Corte delle Assise criminali di Lugano lo ha condannato a 2 anni e 8 mesi di carcere. Di questi, 19 mesi sospesi condizionalmente per un periodo di prova di 4 anni. È successo a un 62enne dominicano residente in Italia e lì arrestato nella primavera dell'anno scorso in seguito a un mandato di cattura internazionale per un sospetto coinvolgimento nello spaccio di cocaina.

Viaggio a Berna per comprare droga

«L'inchiesta è partita in seguito all'arresto di altri cittadini dominicani nel 2019, tutti già condannati per aver trafficato nel nostro cantone ingenti quantità di cocaina – ha spiegato durante la requisitoria la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis –. Questi lo hanno indicato o riconosciuto come fornitore della droga». Sono due in particolare le imputazioni contestate all'uomo. In primis l'aver venduto – a prezzi variabili fra i 60 e i 100 franchi al grammo – polvere bianca a una mezza dozzina di consumatori locali. Droga che l'imputato a sua volta avrebbe acquistato da un altro spacciatore a un prezzo più basso, traendone così profitto. L'altro capo d'accusa, quello più grave secondo la Corte, è l'essersi recato a Berna assieme al suo fornitore della piazza ticinese per prelevare e portare a Lugano un carico di 200 grammi di coca, acquistati da un terzo connazionale dei due, dietro compenso.

Cocaina spacciata in alcuni bar di Molino Nuovo

Il processo a carico del 62enne è stato di tipo indiziario: la sua versione contro quella di chi l'ha accusato. «Il suo atteggiamento – ha sottolineato la pp – non ha aiutato il lavoro degli inquirenti: sin da subito ha negato, anche posto di fronte a chiare prove. Per la maggior parte degli interrogatori non è stato in grado di fornire spiegazioni credibili. A Lugano ha frequentato luoghi noti per lo spaccio di cocaina (fra i quali due bar di Molino Nuovo, ndr), dicendo di essere qui per motivi di svago (ossia per giocare a softball o vedere le sorelle, ndr). Ha mentito più volte, affermando di non conoscere gli accusatori e poi rimangiandosi le parole. La controparte invece è stata sempre lineare e coerente. C'è persino chi ha aggravato la propria posizione processuale, quindi non c'è motivo per non credergli». «Le sue innegabili contraddizioni fanno capire che si tratta di una persona che non è avvezza alle infrazioni della legge – ha evidenziato invece il difensore Stefano Pizzola –. È vero ha frequentato diversi connazionali e dei luoghi dove si ritrovano consumatori di cocaina, ma questo non fa di lui uno spacciatore. Si tratta di una persona ingenua, non uno trafficante particolarmente organizzato o furbo e anche nella peggiore delle ipotesi, è un uomo che si è trovato in una situazione criminale più grande di lui».

E mentre l'avvocato, contestando anche la credibilità di alcuni accusatori, ha chiesto in prima battuta il proscioglimento da tutte le accuse e un'indennità per ingiusta carcerazione e «in via del tutto subordinata» che la pena non superi la carcerazione già subita (ossia poco più di un anno), la pubblica accusa ha domandato 3 anni e 9 mesi e l'espulsione dalla Svizzera per 10 anni. «Ha agito reiteratamente su un periodo relativamente lungo. La sua colpa è grave: non è mai stato consumatore, è consapevole degli effetti negativi che la droga ha e l'ha trafficata esclusivamente per lucrare – la tesi di Canonica Alexakis –. Non ha minimamente collaborato, né ha compreso la gravità del suo agire, mettendo in pericolo il bene più prezioso: la salute».

‘È stato vago e poco convincente’

 «La pp ha chiesto una pena elevata – ha premesso il presidente della Corte Siro Quadri –. Questo è un processo indiziario, per essere condannati servono parecchi indizi convergenti. E questi ultimi hanno permesso di ritenere più credibili le affermazioni degli accusatori rispetto alle sue. L'imputato dapprima ha negato tutto, poi ha iniziato ad ammettere adeguando man mano le versioni in maniera un po' goffa, cercando di salvarsi. È stato vago e poco convincente». La Corte, composta anche dai giudici a latere Aurelio Facchi e Monica Sartori Lombardi, lo ha quindi ritenuto colpevole di tutti i fatti, ma ha deciso una pena che gli permetta di uscire dal carcere una volta che la sentenza sarà cresciuta in giudicato. Il condannato sarà inoltre espulso dalla Svizzera per 7 anni.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
12 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
12 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
14 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
15 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
15 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
15 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved